Sudore. Significato del termine medico 'Sudore' presente nel dizionario medico online gratuito.   
Dizionario medico online

Significato termine medico Sudore

Prodotto di secrezione delle ghiandole sudoripare. È un liquido incolore, leggermente salato, di reazione acida e con composizione variabile di sali, in rapporto alle diverse condizioni fisiologiche dell’organismo; è costituito per la massima parte di acqua, mentre le sostanze solide vi sono contenute nella proporzione dello 0,5-1,5%. Delle sostanze solide tre quarti circa sono inorganiche e un quarto organiche; delle prime il principale costituente è il cloruro di sodio, delle seconde l’urea. La funzione principale del sudore è di contribuire alla regolazione della temperatura corporea mediante il raffreddamento della superficie cutanea provocato dall’evaporazione dell’acqua, che costituisce la massima parte del secreto. La quantità di sudore secreta da una persona nelle 24 ore dipende dalle esigenze della termoregolazione e aumenta con l’aumentare della temperatura ambiente e del lavoro muscolare.Prodotto di secrezione delle ghiandole sudoripare. È un liquido incolore, leggermente salato, di reazione acida e con composizione variabile di sali, in rapporto alle diverse condizioni



fisiologiche dell’organismo; è costituito per la massima parte di acqua, mentre le sostanze solide vi sono contenute nella proporzione dello 0,5-1,5%. Delle sostanze solide tre quarti circa sono inorganiche e un quarto organiche; delle prime il principale costituente è il cloruro di sodio, delle seconde l’urea. La funzione principale del sudore è di contribuire alla regolazione della temperatura corporea mediante il raffreddamento della superficie cutanea provocato dall’evaporazione dell’acqua, che costituisce la massima parte del secreto. La quantità di sudore secreta da una persona nelle 24 ore dipende dalle esigenze della termoregolazione e aumenta con l’aumentare della temperatura ambiente e del lavoro muscolare.

Commenti

Altri termini medici nel dizionario medico che iniziano con la 'S'

  • Scrofuloderma
  • Dermatite tubercolare che si manifesta con formazioni nodulari. Insorge per autoinoculazione in soggetti con tubercolosi polmonare o viscerale aperte, o con focolai tubercolari linfoghiandolari, articolari, ossei ecc., o [...]
  • Sierosite
  • Processo infiammatorio che coinvolge una membrana sierosa. Se si estende a più membrane prende il nome di sierosite multipla o polisierosite. Si può osservare in corso di malattie infettive (quali la tubercolosi) o in corso di collagenopatie, malattia reumatica ecc. In relazione alla sede colpita si parla [...]
  • Sforzo, prova da
  • Prova che consente di misurare la funzionalità respiratoria o quella cardiaca [...]
  • Scarlattina abortiva
  • Sinonimo di quarta [...]
  • Santoreggia
  • (Satureja montana, famiglia Labiate), pianta erbacea, usata per le sue proprietà aromatizzanti come condimento in cucina; si usa in terapia la pianta fiorita, che contiene un olio essenziale, composto da timolo, carvacrolo e polifenoli. È considerata un tonico stimolante, [...]
  • Sete
  • Sensazione provocata da squilibrio fra l’acqua e i sali circolanti nel sangue: una diminuzione dell’acqua presente nel sangue circolante (per esempio, per perdita eccessiva attraverso la sudorazione) o un aumento dei sali disciolti nel sangue (per esempio, per eccessiva introduzione alimentare) possono rappresentare uno stimolo per specifici sensori o recettori (detti osmocettori), localizzati a livello dell’ipotalamo e responsabili dell’insorgenza della sensazione di sete. Questa sensazione induce il soggetto a ingerire liquidi e quindi a ripristinare l’equilibrio fra la presenza di acqua e quella dei sali. In realtà non è solo la concentrazione di sali nel sangue a generare la sete, ma anche [...]
  • Sonnambulismo
  • Particolare stato della coscienza (stato crepuscolare) che compare durante il sonno ed è caratterizzato da attività varie (parlare, camminare, gesticolare ecc.), che il soggetto compie senza essere ben consapevole della realtà circostante. Gli episodi, di durata ed entità variabili, sono seguiti da amnesie al [...]
  • Streptolisina
  • Proteina ad azione emolizzante prodotta dagli streptococchi. Si distinguono la streptolisina O (labile all’ossigeno) e la streptolisina S (solubile nel siero). La streptolisina O è dotata di attività citotossica e ha una notevole importanza nella determinazione delle lesioni organiche, in quanto provoca danni cellulari che consentono ad altri enzimi streptococcici di esercitare [...]
  • Soffio
  • Rumore prodotto da aria o da liquidi quando attraversano un orifizio o scorrono in un condotto naturale con una certa velocità, come avviene per il sangue nelle valvole cardiache e nelle arterie, nonché per l’aria nei bronchi. La presenza di un soffio e le sue caratteristiche possono fornire utili indicazioni per un orientamento diagnostico. [...]
  • Sangue
  • Indice:Funzioni fisiologicheProteine plasmaticheLa componente corpuscolata del sangueliquido viscoso che scorre nell’apparato cardiovascolare, che provvede a distribuirlo negli organi e nei tessuti dell’organismo. Dal punto di vista istologico il sangue è un tessuto allo stato fluido, costituito da una frazione liquida (plasma) e da una frazione corpuscolata, la quale comprende diverse serie di cellule distinguibili, in base ai caratteri morfologici specifici, in eritrociti (o globuli rossi), piastrine e leucociti (o globuli bianchi). Questi ultimi non rappresentano una classe omogenea di cellule, poiché comprendono linfociti, monociti-macrofagi e granulociti; i granulociti si differenziano, a loro volta, in neutrofili, basofili ed eosinofili. Il numero di leucociti dei diversi tipi, espresso come percentuale del numero totale, costituisce la formula leucocitaria. Le piastrine si trovano nel sangue circolante in numero di 200 000 ÷ 300 000 per ml. Nell’individuo adulto la massa sanguigna totale è di circa 5 l e corrisponde, in misura approssimativa, a 1/12 del peso corporeo. Il rapporto tra la componente corpuscolata e quella plasmatica è detto ematocrito.Funzioni fisiologicheFunzione fondamentale del sangue è di assicurare le connessioni metaboliche tra i vari organi e tessuti dell’organismo, conferendo a quest’ultimo un aspetto unitario sotto il profilo biochimico. Più precisamente, il sangue svolge una funzione di trasporto delle sostanze nutritizie e dei metaboliti, comprendendo tra questi anche i gas respiratori (ossigeno e anidride carbonica), il cui trasporto costituisce la cosiddetta fase ematica della respirazione. Attraverso il sangue vengono inoltre veicolati gli ormoni, le vitamine, gli enzimi e alcune frazioni proteiche aventi, nel medesimo tempo, attività regolatrice e di difesa. Nel plasma sono contenute numerose sostanze in soluzione (per esempio, lo ione bicarbonato e il cloruro di sodio). Un’importante funzione del bicarbonato è quella di mantenere entro limiti fisiologici le variazioni del pH del sangue. Analogo potere tampone hanno i fosfati, nella duplice forma di fosfati monobasici e bibasici.Proteine plasmaticheLe proteine sono contenute nel plasma in concentrazioni comprese tra 6,5 e 8%. Con le tecniche più progredite di separazione (elettroforesi) si è riusciti a distinguere fino a 30 frazioni proteiche plasmatiche. La proteina a maggiore velocità di migrazione è l’albumina, contenuta nel plasma nella percentuale del 4,5%. Seguono le globuline, nella percentuale del 2,5%, distinguibili a loro volta in tre frazioni principali: alfa, beta, gamma; queste, a un esame elettroforetico approfondito, possono venire ulteriormente classificate in varie frazioni alfa1, alfa2, beta1, beta2, gamma1, gamma2. Vi è infine il fibrinogeno, frazione compresa tra le betaglobuline e le gammaglobuline. Ciascuna cellula dell’organismo può contribuire alla sintesi delle proteine plasmatiche; esistono tuttavia strutture specificamente preposte a tale funzione, in particolare il fegato e le cellule del sistema reticoloendoteliale. Le globuline, che rappresentano gli anticorpi naturali o acquisiti dell’organismo e svolgono quindi un’importantissima funzione immunitaria, vengono elaborate in gran parte dalle plasmacellule. Un’altra funzione delle proteine plasmatiche è quella di concorrere a determinare la pressione osmotica del plasma. [...]
Seguici
facebook twitter google+ rss
Ricerca termini medici
Seguici su facebook
Questi termini medici li conosci?
Altri dizionari medici
do you network?