Tenìasi. Significato del termine medico 'Tenìasi' presente nel dizionario medico online gratuito.   
Dizionario medico online

Significato termine medico Tenìasi

(o verme solitario), infestazione dell’organismo umano da parte di vermi piatti (vedi cestode) quali Taenia solium, Taenia saginata, Hymenolepis nana ecc. Il contagio avviene mediante l’ingestione di carni, crude o poco cotte, di maiale (Taenia solium), di bovino (Taenia saginata) e di pesce, nelle quali sono presenti le larve. Una volta nell’intestino le larve danno origine a un verme adulto, che si attacca con un disco adesivo alla parete intestinale e si accresce fino a raggiungere alcuni metri di lunghezza. La tenìasi può essere asintomatica per mesi, poi manifestarsi con diarrea, stitichezza, dolori addominali, dimagrimento, nausea, vomito. Taenia saginata viene individuata anche per il ritrovamento di segmenti di verme (proglottidi) nella biancheria. La diagnosi di certezza viene fatta con la ricerca delle uova del parassita nelle feci. La terapia si basa sull’impiego di un antielmintico (niclosamide, mebendazolo) seguito da un purgante salino. La debellazione del parassita è importante nell’infestazione da Taenia solium, la quale può determinare cisticercosi.(o verme solitario), infestazione dell’organismo umano da parte di vermi piatti (vedi cestode) quali Taenia solium, Taenia saginata, Hymenolepis nana ecc. Il contagio avviene mediante l’ingestione



di carni, crude o poco cotte, di maiale (Taenia solium), di bovino (Taenia saginata) e di pesce, nelle quali sono presenti le larve. Una volta nell’intestino le larve danno origine a un verme adulto, che si attacca con un disco adesivo alla parete intestinale e si accresce fino a raggiungere alcuni metri di lunghezza. La tenìasi può essere asintomatica per mesi, poi manifestarsi con diarrea, stitichezza, dolori addominali, dimagrimento, nausea, vomito. Taenia saginata viene individuata anche per il ritrovamento di segmenti di verme (proglottidi) nella biancheria. La diagnosi di certezza viene fatta con la ricerca delle uova del parassita nelle feci. La terapia si basa sull’impiego di un antielmintico (niclosamide, mebendazolo) seguito da un purgante salino. La debellazione del parassita è importante nell’infestazione da Taenia solium, la quale può determinare cisticercosi.

Commenti

Altri termini medici nel dizionario medico che iniziano con la 'T'

  • Tumori, chirurgìa dei
  • Indice:Interventi a scopo diagnosticoLa chirurgia radicale del tumoreInterventi demolitivi e possibilità conservativeLa chirurgia palliativaLa chirurgia ricostruttivaintervento chirurgico sui tumori. Adeguatasi alle mutate concezioni di terapia oncologica, che vedono oggi il trattamento dei tumori come uno sforzo congiunto e integrato a vari livelli di più discipline e competenze (mediche, chirurgiche, radiologiche ecc.), la chirurgìa dei tumori assume un ruolo centrale non solo in fase terapeutica, ma anche in fase diagnostica e come strumento di asportazione e di ricostruzione della parte malata.Interventi a scopo diagnosticoLa chirurgia contribuisce alla diagnosi istopatologica tramite l’esecuzione della biopsia e permette di giungere a una corretta stadiazione dei tumori mediante la dissezione dei linfonodi e gli interventi esplorativi (laparotomia e toracotomia), con cui si valuta l’estensione del tumore in un dato distretto corporeo. In questi ultimi anni si è diffuso, nella strategia terapeutica di alcuni tumori, il cosiddetto second look, vale a dire un reintervento effettuato a distanza di tempo dalla prima operazione, in assenza di segni clinici di ripresa di malattia, con lo scopo di eradicare tempestivamente eventuali recidive e verificare l’efficacia del trattamento fino a quel momento. Tipico è il caso del cistoadenocarcinoma dell’ovaio: al primo intervento chirurgico, integrato da chemioterapia o radioterapia, si fa seguire a distanza di qualche mese un altro intervento chirurgico per determinare nuovamente lo stadio della malattia.La chirurgia radicale del tumoreSul versante terapeutico gli interventi sono solitamente distinti nelle tre linee principali: chirurgia radicale, avente intento curativo sul tumore; chirurgia palliativa, effettuata con lo scopo di alleviare i sintomi; chirurgia complementare ad altre metodiche terapeutiche, che fanno uso di mezzi farmacologici o fisici. Nel primo caso la chirurgia si propone di asportare tutta la massa tumorale visibile, compresa una porzione limitrofa di tessuto sano, per assicurare il più possibile la sicurezza dell’intervento. Alla sola radicalità locale, circoscritta all’organo colpito dal tumore, occorre spesso affiancare una radicalità regionale, comprendendo nell’intervento le ghiandole linfatiche più vicine alla sede del tumore: qui si annidano nella maggior parte dei casi le prime metastasi, da cui può partire la diffusione del tumore a tutto l’organismo. Questo tipo di approccio è obbligatorio in tutti i tumori della cavità toracica e addominale; a seconda della presunta estensione del tumore, può essere effettuato o meno anche nelle localizzazioni più superficiali (cute, laringe o mammella).Interventi demolitivi e possibilità conservativeNell’ambito della chirurgia [...]
  • TNF
  • Sigla di Tumoral Necrosis [...]
  • Tiamfenicolo
  • Farmaco antibiotico derivato del cloramfenicolo, al quale è simile per [...]
  • Trombocitopenìa
  • Sinonimo di piastrinopenia [...]
  • Timpanolabirintosclerosi
  • Forma di otite media che conduce a labirintosi. È [...]
  • Tumori, radioterapìa dei
  • Indice:La radioterapia esternaLa radioterapia interstiziale ed endocavitariaLa radioterapia metabolicaSensibilità dei tumori alla radioterapiaLa radioterapia palliativa e di complemento chirurgicoSchemi di somministrazione ed effetti secondaritrattamento dei tumori mediante l’uso di radiazioni ionizzanti. L’impiego della radioterapia nel trattamento dei tumori si basa sulla possibilità di ottenere la distruzione totale del tumore nella sede di sviluppo, evitando il più possibile alterazioni gravi e irreversibili dei tessuti sani circostanti. L’effetto terapeutico si basa su un’azione selettiva, che induce gradualmente nelle cellule tumorali un danno incompatibile con la sopravvivenza, ma consente alle cellule normali di riprendersi dal danno subito.La radioterapia esternaLa radioterapia può essere effettuata secondo varie modalità. Nella radioterapia esterna il fascio di radiazioni, originato da un’apparecchiatura esterna al paziente, viene indirizzato sul tumore attraverso una o più regioni cutanee (dette “porte”); di prevalente impiego sono i raggi X (prodotti dagli apparecchi di roentgenterapia, dagli acceleratori e dai betatroni) e i raggi gamma, generati dalle unità di telecobaltoterapia e telecesioterapia. La roentgenterapia viene oggi impiegata nei tumori che interessano la cute e i tessuti sottocutanei. Con gli altri strumenti vengono utilizzate radiazioni ad alta energia: queste ultime si dimostrano utili per l’irradiazione di masse tumorali localizzate in zone profonde del corpo, in quanto dotate di un elevato potere di penetrazione, risparmiando però sia la cute sia i tessuti sani situati al difuori del raggio d’azione del fascio di radiazioni. Il campo d’impiego è particolarmente allargato alla cura dei linfomi, dei seminomi del testicolo e del carcinoma prostatico e in genere per aggredire voluminose masse neoplastiche viscerali.La radioterapia interstiziale ed endocavitariaLa radioterapia interstiziale (o curieterapia) prevede l’infissione di preparati radioattivi in forma di aghi, fili, o semi, nello spessore del tessuto tumorale: ha il vantaggio di consentire l’erogazione di dosi elevate di radiazioni in un piccolo volume e in un tempo relativamente breve. Si ricorre a sorgenti radioattive naturali o artificiali (radio, cesio, ma perlopiù iridio) emittenti raggi gamma: trova indicazione nei tumori che si prestano all’applicazione locale di radiazioni (carcinomi del labbro, della bocca, della lingua, della pelle, della mammella, della vulva, dell’ano). La curieterapia endocavitaria consiste nell’introduzione di preparati radioattivi contenuti in speciali applicatori o in apparecchi appositamente modellati per essere adattati in cavità naturali dell’organismo (vagina, utero). Le fonti emittenti sono le stesse utilizzate per la radioterapia interstiziale.La radioterapia metabolicaLa radioterapia metabolica prevede l’impiego di sorgenti radioattive artificiali introdotte per via orale o endovenosa. Nella maggior parte dei casi si fa ricorso a radioisotopi per la cura delle metastasi da tumori della tiroide (iodio radioattivo): l’isotopo viene attivamente captato dal tessuto tumorale, esercitando l’azione terapeutica in modo costante anche sui focolai più inaccessibili. La somministrazione intraddominale di radiooro o radiofosforo viene ancora utilizzata in qualche caso, dopo l’intervento chirurgico per tumori delle ovaie, allo scopo di eradicare residui tumorali a livello del peritoneo. Radiofosforo viene somministrato nei pazienti portatori di policitemia veraSensibilità dei tumori alla radioterapiaNel complesso la radioterapia viene utilizzata nel trattamento di molti tumori, con intento sia palliativo sia curativo, analogamente alle altre modalità terapeutiche di impiego oncologico. I tumori più sensibili al danno indotto da radiazioni sono quelli del sistema linfatico, il seminoma del testicolo, i carcinomi indifferenziati delle prime vie respiratorie e digestive, il sarcoma osseo di Ewing, il basalioma e l’epitelioma cutanei. A questi vanno aggiunti il tumore del corpo dell’utero, il carcinoma mammario, i tumori del grosso intestino e di alcune ghiandole endocrine (ipofisi e tiroide), dell’ovaio e del testicolo; meno sensibili sono i tumori del sistema nervoso, i sarcomi dei tessuti molli, l’osteosarcoma e il melanoma. Va precisato che, oltre al fattore [...]
  • Training sensuale
  • Vedi focalizzazione [...]
  • Trigèmino, nervo
  • V paio di nervi cranici; origina nei nuclei di sostanza grigia, tra il mesencefalo e la porzione superiore del midollo cervicale, fuoriesce dall’encefalo nelle regioni del ponte, con due radici, una più piccola, motoria, e una più voluminosa, sensitiva; le due radici decorrono unite per terminare (la prima fondendosi con il nervo mandibolare, la seconda nel ganglio semilunare di Gasser) [...]
  • Tofo
  • Deposito di urati nella cute, nella sottocute, nel derma, nelle cartilagini articolari ed extrarticolari, nelle borse sierose e nei tendini. I tofi si rilevano nel 13-17% dei casi di gotta cronica e appaiono come noduli di varia grandezza, da un grano di miglio a un’arancia, di consistenza prima molle e poi dura, di colorito bianco-giallastro. Il loro sviluppo si verifica da 3 a 42 anni dopo il primo accesso gottoso, ma inizia perlopiù entro 10-11 anni. L’entità di formazione dei tofi è direttamente proporzionale alla durata e [...]
  • Tireotòssica, crisi
  • Emergenza clinica dell’ipertiroidismo, caratterizzato da un’improvvisa ipertermia, con tachicardia, tremore, agitazione psicomotoria. Più frequente nelle donne, comporta a volte anche diarrea e vomito. Si tratta di una manifestazione a prognosi molto grave, con una mortalità ancor oggi elevata, legata allo shock per grave [...]
Seguici
facebook twitter google+ rss
Ricerca termini medici
Seguici su facebook
Questi termini medici li conosci?
Altri dizionari medici
do you network?