Tiralatte. Significato del termine medico 'Tiralatte' presente nel dizionario medico online gratuito.   
Dizionario medico online

Significato termine medico Tiralatte

Coppetta fornita di una pompetta aspirante usata per l’estrazione di latte dalla mammella, in caso di malformazione dei capezzoli della donna o di incapacità di suzione al seno da parte dei lattanti. Può essere direttamente collegato, mediante tubicino di gomma e tettarella, al neonato che deve alimentarsi o al contenitore sterile per la raccolta del latte.Coppetta fornita di una pompetta aspirante usata per l’estrazione di latte dalla mammella, in caso di malformazione dei capezzoli della donna o di incapacità di suzione



al seno da parte dei lattanti. Può essere direttamente collegato, mediante tubicino di gomma e tettarella, al neonato che deve alimentarsi o al contenitore sterile per la raccolta del latte.

Commenti

Altri termini medici nel dizionario medico che iniziano con la 'T'

  • Triciclici, antidepressivi
  • Farmaci usati nel trattamento della depressione. Sono utili anche nella terapia del dolore oncologico. Come altri antidepressivi presentano effetti collaterali per cui vanno usati con prudenza nei soggetti affetti da cardiopatia, ipertrofia prostatica e in [...]
  • Toràcico, dotto
  • Dotto linfatico che raccoglie la linfa reflua dall’addome e dagli arti inferiori, [...]
  • Tarsalgìa
  • Dolore localizzato al tarso, cioè al gruppo di ossa del piede [...]
  • Trigèmino, nevralgìa del
  • Sindrome dolorosa che colpisce il nervo trigemino. La nevralgìa del trigèmino primitiva è caratterizzata da un dolore bruciante e intensissimo, che interessa soprattutto i rami mascellare e mandibolare del trigemino. Il dolore parossistico insorge improvvisamente o dopo movimenti dei muscoli della faccia o dopo stimolazione anche lieve; dura da pochi istanti a vari minuti, per riprendere dopo breve tregua. È monolaterale, interessa all’inizio una sola branca e non è accompagnata da altri sintomi neurologici, ma, spesso, da arrossamento cutaneo, lacrimazione, fotofobia. La stimolazione di alcune zone, variabili da caso a caso (trigger zone), può scatenare l’attacco. L’origine è sconosciuta e il decorso cronico, anche con lunghi periodi di completo benessere. La terapia medica si avvale della carmazepina, farmaco più noto come antiepilettico; quando fallisce, si [...]
  • Tiamina
  • Altro nome della vitamina B1 (vedi [...]
  • Toxocara canis
  • Verme che infesta frequentemente i cani, che ne espellono le uova con le feci contaminando il terreno. I bambini possono infettarsi ingerendo le larve con la terra, sviluppando [...]
  • Tenia
  • Verme piatto (vedi [...]
  • Trombolìtici
  • Farmaci in grado di scindere la fibrina, cioè di dissolvere i coaguli fibrinosi e di sciogliere i trombi e gli emboli che occludono un vaso sanguigno. Le sostanze che svolgono attività trombolitica sono l’urochinasi e la streptochinasi. I trombolìtici sono impiegati nella terapia dell’embolia polmonare, della trombosi profonda delle vene degli arti inferiori, delle occlusioni arteriose acute, dell’infarto miocardico acuto, nell’intento di ottenere la ricanalizzazione del vaso coronarico occluso dalla lesione trombotica. Questa terapia è in genere tanto più efficace quanto più tempestiva è la sua attuazione. L’impiego dei trombolìtici espone naturalmente il paziente al rischio di fenomeni emorragici, anche gravi, per [...]
  • Trisma
  • Contrattura spastica dei muscoli masticatori (masseteri pterigoidei e temporali), per cui è impossibile aprire la bocca; si riscontra nel tetano, nella tetania, nelle meningiti per sofferenza dei centri o delle vie nervose, in particolari processi infiammatori del cavo orale (ascessi gengivali, ferite [...]
  • Tabe dorsale
  • Malattia del midollo spinale che consegue all’infezione sifilitica, dopo un intervallo di 5-15 anni, e rappresenta una delle manifestazioni più importanti del periodo terziario (vedi sifilide). La malattia produce lesioni infiammatorie nei nervi radicolari (nevrite radicolare trasversa), provocando la distruzione progressiva delle radici posteriori e la sclerosi dei cordoni posteriori. La sintomatologia è estremamente varia, ma prevalgono gravi disturbi della coordinazione dei movimenti generalizzati oppure circoscritti agli arti inferiori e al tronco, più raramente ai soli arti superiori, alla lingua, alla faccia, secondo la localizzazione e l’estensione del processo; frequente è una particolare forma di dissociazione sensitiva, caratterizzata da diminuzione o abolizione della sensibilità profonda e tattile, con conservazione di quella termica e dolorifica (dissociazione tabetica). Non rare sono le parestesie, i dolori ad accessi e le crisi viscerali gastriche, laringee, cardiache, [...]
Seguici
facebook twitter google+ rss
Ricerca termini medici
Seguici su facebook
Questi termini medici li conosci?
Altri dizionari medici
do you network?