Traccianti radioattivi, mètodo dei. Significato del termine medico 'Traccianti radioattivi, mètodo dei' presente nel dizionario medico online gratuito.   
Dizionario medico online

Significato termine medico Traccianti radioattivi, mètodo dei

Tecnica diagnostica impiegata per indagare la funzionalità di organi e tessuti basandosi sul presupposto che gli isotopi radioattivi (vedi radioisotopi) somministrati si fissano in determinati tessuti e, una volta arrivati a destinazione, emettono radiazioni rilevabili da un apposito contatore posto a contatto con la superficie corporea soprastante la zona oggetto d’indagine. I dati rilevati vengono poi elaborati elettronicamente.Tecnica diagnostica impiegata per indagare la funzionalità di organi e tessuti basandosi sul presupposto che gli isotopi radioattivi (vedi radioisotopi) somministrati si fissano in determinati tessuti



e, una volta arrivati a destinazione, emettono radiazioni rilevabili da un apposito contatore posto a contatto con la superficie corporea soprastante la zona oggetto d’indagine. I dati rilevati vengono poi elaborati elettronicamente.

Commenti

Altri termini medici nel dizionario medico che iniziano con la 'T'

  • Trombocitemìa essenziale
  • Malattia mieloproliferativa del sangue, la cui causa è sconosciuta; è caratterizzata dalla produzione da parte del midollo osseo di un elevato numero di piastrine funzionalmente anomale, che da un lato, per [...]
  • Tiocolchicoside
  • Farmaco utilizzato nel trattamento locale delle contusioni [...]
  • Tube, chiusura delle
  • Tecnica di sterilizzazione femminile che consiste nella resezione e legatura, o nell’applicazione di graffette, o nell’elettrocoagulazione, delle salpingi (o tube) uterine. Si effettua in anestesia generale. Agisce impedendo il passaggio dell’ovulo nella cavità [...]
  • Tetraplegìa
  • Paralisi dei quattro arti, che si estende anche al tronco fino a livello della clavicola e può provocare disturbi respiratori per paresi del [...]
  • Toràcico, dotto
  • Dotto linfatico che raccoglie la linfa reflua dall’addome e dagli arti inferiori, [...]
  • Tossina
  • Veleno dotato di azione specifica e di potere antigenico di origine animale (veleno dei serpenti e degli insetti), vegetale (abrina, ricina, crotina, curarina) o batterica. Le tossine batteriche, che presentano un particolare interesse in patologia, possono essere distinte in due categorie: le esotossine e le endotossine. Le esotossine sono sostanze fortemente tossiche prodotte da batteri viventi, che le diffondono liberamente nel mezzo ambiente. Quelle meglio conosciute sono prodotte da Clostridium botulinum (responsabile del botulismo), Clostridium tetani (agente del tetano), Corynebacterium diphteriae (che provoca la difterite), streptococchi del gruppo A., stafilococchi. Le endotossine sono invece costituenti specifici dei batteri, da cui si liberano quando vanno in disfacimento. Batteri patogeni che liberano endotossine sono le salmonelle (Salmonella paratyphi e Salmonella typhi), Escherichia coli, le shigelle, Brucella melitensis, il vibrione colerico, Pasteurella pestis (responsabile [...]
  • Tintura madre
  • Macerazione alcolica di piante medicinali fresche. Il rapporto fra pianta medicinale e solvente è di 1:10, e corrisponde a dieci [...]
  • Trimetochinolo
  • Farmaco adrenergico betastimolante, selettivo per i recettori bronchiali. Può causare cefalea, vertigini, insonnia, [...]
  • Training sensuale
  • Vedi focalizzazione [...]
  • Traslocazione bilanciata
  • Scambio di un tratto di materiale genetico tra due cromosomi non omologhi: il patrimonio genetico rimane normale, ma non così i singoli [...]
Seguici
facebook twitter google+ rss
Ricerca termini medici
Seguici su facebook
Questi termini medici li conosci?
Altri dizionari medici
do you network?