Trapianto. Significato del termine medico 'Trapianto' presente nel dizionario medico online gratuito.   
Dizionario medico online

Significato termine medico Trapianto

Indice:Trapianto e rigettoIl prelievo dal donatoreIl trapianto di reneIl trapianto di cuore e polmoneIl trapianto di fegato e di pancreasIl trapianto di midollo osseoIl trapianto di corneatecnica chirurgica che sostituisce l’organo malato del paziente con un organo funzionante prelevato da un soggetto e innestato con allacciamento dei grossi vasi. I trapianti si dividono in: isotrapianto, tra gemelli monozigoti (cioè originati dalla stessa cellula uovo); allotrapianto, da individui della stessa specie; xenotrapianto, da specie diverse (per esempio, il trapianto in un organismo umano di un organo prelevato da scimpanzé). Per autotrapianto si intende invece l’innesto di un tessuto prelevato dallo stesso individuo e trapiantato in altra sede.Trapianto e rigettoUn organo trapiantato, quando si tratta di un allotrapianto o di uno xenotrapianto, evolve inevitabilmente verso il rigetto dopo un periodo di tempo molto breve: dopo 4-8 giorni, infatti, il tessuto trapiantato appare infiltrato da linfociti e plasmacellule (le cellule che mettono in atto la risposta immunologica contro il tessuto riconosciuto come estraneo): in poco tempo esso verrebbe distrutto, se non fossero somministrati al ricevente farmaci che inibiscono la risposta immunologica. Per ridurre al minimo il rischio e la gravità del rigetto è necessario scegliere un donatore che condivida con il ricevente il maggior numero di determinanti HLA (molecole presenti sulla superficie cellulare responsabili, appunto, del riconoscimento come proprio o come diverso da sé dell’organo trapiantato). Siccome generalmente non esiste un’assoluta compatibilità tra ricevente e donatore, è comunque necessario impiegare farmaci immunosoppressori. Attualmente il più usato è la ciclosporina A. Questa sostanza sembra agire soprattutto sui linfociti, mentre risparmia in buona parte le altre cellule immunitarie, che difendono l’organismo dalle infezioni. Tuttavia, dato il suo effetto tossico sul rene, occorre una costante sorveglianza sulla funzione di quest’organo.Il prelievo dal donatoreNel caso del trapianto di rene, trattandosi di un organo duplice, il prelievo si può fare anche da un donatore vivente che abbia una stretta affinità genica col ricevente (per esempio, genitori-figli), mentre per cuore, fegato, pancreas, trattandosi di organo unico, il donatore deve necessariamente essere un cadavere. L’organo da trapiantare deve avere un metabolismo efficiente, cioè non aver ancora subito le lesioni regressive che intervengono rapidamente dopo la morte: per questo viene prelevato quando le funzioni vegetative (respirazione e circolazione sanguigna) sono mantenute ancora attive mediante un respiratore automatico. L’asportazione dell’organo è possibile, per legge, solo quando la morte è inequivocabilmente provata dal tracciato elettroencefalografico durevolmente piatto, in base agli accertamenti di un collegio di tre medici, e deve essere eseguita in strutture autorizzate. L’organo prelevato deve essere subito perfuso con una soluzione che elimini il sangue e deve essere portato al più presto alla temperatura di 4 °C. In queste condizioni può essere mantenuto efficiente anche più di 24 ore e quindi essere trasportato a distanza.Il trapianto di reneIl trapianto di rene è riservato ai pazienti affetti da grave insufficienza renale irreversibile, condannati al trattamento depurativo artificiale (emodialisi, dialisi periton ambulatoriale ecc.); avviene nella stragrande maggioranza dei casi mediante un organo preleealevato da cadavere (mentre il prelievo da donatore consanguineo vivente sembra essere in costante diminuzione). Una caratteristica favorevole del trapianto renale è la possibilità di ripetere l’intervento o di ricorrere di nuovo alla dialisi in caso di insuccesso.Il trapianto di cuore e polmoneIl trapianto di cuore può essere ortotopico (asportazione dell’organo del paziente e sostituzione, nella sede originale, con quello prelevato dal donatore) oppure eterotopico (aggiunta di un nuovo organo senza asportazione di quello malato). Le indicazioni al trapianto di cuore sono costituite dalle cardiopatie ischemiche e dalle cardiomiopatie dilatative giunte allo stadio terminale e non più trattabili con la sola terapia medica, situazioni nelle quali la morte del paziente è imminente e inevitabile. Il trapianto di cuore-polmone presenta notevoli difficoltà tecniche ed è riservato a pazienti con gravissimo deterioramento della funzionalità respiratoria e cardiocircolatoria combinate (per esempio, l’ipertensione polmonare primitiva). Il trapianto del solo polmone (eseguito perlopiù in caso di fibrosi polmonare irreversibile) non ha mai incontrato grande successo, ed è stato in pratica abbandonato.Il trapianto di fegato e di pancreasQuanto al trapianto di fegato, l’introduzione dei farmaci immunosoppressori e il miglioramento delle tecniche chirurgiche hanno sensibilmente migliorato la prognosi di questo intervento. Attualmente vi sono due principali indicazioni: la prima è costituita dalle cirrosi epatiche non maligne (in particolare quelle secondarie ad atresia biliare primitiva nei bambini), dalla cirrosi biliare, dall’epatite cronica attiva autoaggressiva, dalla sindrome di Budd-Chiari (ipertensione splenoportale); la seconda è invece rappresentata dai tumori maligni epatici primitivi non metastatizzanti. Il trapianto di pancreas può essere eseguito con prelievo dell’organo intero da cadavere, o con innesto segmentario (cioè solo di porzioni dell’organo) di tessuti prelevati sia da cadaveri, sia da viventi consanguinei. Viene eseguito in pazienti affetti da diabete insulino-dipendente, allo scopo di fornire una sorgente endogena di insulina.Il trapianto di midollo osseoDel trapianto di midollo osseo attualmente esistono due tipi: il trapianto autologo e il trapianto allogenico. Nel primo caso, in cui il donatore è il paziente stesso, si procede alla reintroduzione del midollo precedentemente prelevato dal soggetto e opportunamente purificato. Questo tipo di trapianto viene utilizzato come terapia di salvataggio dopo trattamenti antitumorali molto tossici (con farmaci che provocano, come effetto collaterale, la distruzione del midollo osseo). Nel trapianto allogenico il donatore è un individuo della stessa specie, possibilmente una sorella o un fratello, con spiccata affinità tessutale. Esso trova indicazione nelle leucemie linfatiche e non linfatiche acute, nella grave anemia aplastica, nei gravi deficit immunitari combinati, nella talassemia maior. Il trapianto di midollo osseo è spesso caratterizzato da una particolare forma di rigetto, nella quale si osserva l’aggressione da parte del tessuto trapiantato nei confronti dell’organismo ospite. Questa particolare reazione (detta GVHD = Graft Versus Host Disease, cioè malattia da reazione dell’innesto contro l’ospite) può assumere un andamento acuto o cronico, e causare la morte del paziente.Il trapianto di corneaIl trapianto di cornea, che con l’impiego del microscopio operatore, di strumenti chirurgici più affidabili, di fili di nylon inerti, ha una sopravvivenza nettamente migliorata, raggiunge percentuali di successo del 98%. Le indicazioni sono costituite dalle affezioni con opacizzazione irreversibile della cornea (cheratiti e cheratopatie di varia natura) con gravissima perdita di capacità visiva, fino alla cecità pressoché totale.Indice:Trapianto e rigettoIl prelievo dal donatoreIl trapianto di reneIl trapianto di cuore e polmoneIl trapianto di fegato e di pancreasIl trapianto di midollo osseoIl trapianto di



corneatecnica chirurgica che sostituisce l’organo malato del paziente con un organo funzionante prelevato da un soggetto e innestato con allacciamento dei grossi vasi. I trapianti si dividono in: isotrapianto, tra gemelli monozigoti (cioè originati dalla stessa cellula uovo); allotrapianto, da individui della stessa specie; xenotrapianto, da specie diverse (per esempio, il trapianto in un organismo umano di un organo prelevato da scimpanzé). Per autotrapianto si intende invece l’innesto di un tessuto prelevato dallo stesso individuo e trapiantato in altra sede.Trapianto e rigettoUn organo trapiantato, quando si tratta di un allotrapianto o di uno xenotrapianto, evolve inevitabilmente verso il rigetto dopo un periodo di tempo molto breve: dopo 4-8 giorni, infatti, il tessuto trapiantato appare infiltrato da linfociti e plasmacellule (le cellule che mettono in atto la risposta immunologica contro il tessuto riconosciuto come estraneo): in poco tempo esso verrebbe distrutto, se non fossero somministrati al ricevente farmaci che inibiscono la risposta immunologica. Per ridurre al minimo il rischio e la gravità del rigetto è necessario scegliere un donatore che condivida con il ricevente il maggior numero di determinanti HLA (molecole presenti sulla superficie cellulare responsabili, appunto, del riconoscimento come proprio o come diverso da sé dell’organo trapiantato). Siccome generalmente non esiste un’assoluta compatibilità tra ricevente e donatore, è comunque necessario impiegare farmaci immunosoppressori. Attualmente il più usato è la ciclosporina A. Questa sostanza sembra agire soprattutto sui linfociti, mentre risparmia in buona parte le altre cellule immunitarie, che difendono l’organismo dalle infezioni. Tuttavia, dato il suo effetto tossico sul rene, occorre una costante sorveglianza sulla funzione di quest’organo.Il prelievo dal donatoreNel caso del trapianto di rene, trattandosi di un organo duplice, il prelievo si può fare anche da un donatore vivente che abbia una stretta affinità genica col ricevente (per esempio, genitori-figli), mentre per cuore, fegato, pancreas, trattandosi di organo unico, il donatore deve necessariamente essere un cadavere. L’organo da trapiantare deve avere un metabolismo efficiente, cioè non aver ancora subito le lesioni regressive che intervengono rapidamente dopo la morte: per questo viene prelevato quando le funzioni vegetative (respirazione e circolazione sanguigna) sono mantenute ancora attive mediante un respiratore automatico. L’asportazione dell’organo è possibile, per legge, solo quando la morte è inequivocabilmente provata dal tracciato elettroencefalografico durevolmente piatto, in base agli accertamenti di un collegio di tre medici, e deve essere eseguita in strutture autorizzate. L’organo prelevato deve essere subito perfuso con una soluzione che elimini il sangue e deve essere portato al più presto alla temperatura di 4 °C. In queste condizioni può essere mantenuto efficiente anche più di 24 ore e quindi essere trasportato a distanza.Il trapianto di reneIl trapianto di rene è riservato ai pazienti affetti da grave insufficienza renale irreversibile, condannati al trattamento depurativo artificiale (emodialisi, dialisi periton ambulatoriale ecc.); avviene nella stragrande maggioranza dei casi mediante un organo preleealevato da cadavere (mentre il prelievo da donatore consanguineo vivente sembra essere in costante diminuzione). Una caratteristica favorevole del trapianto renale è la possibilità di ripetere l’intervento o di ricorrere di nuovo alla dialisi in caso di insuccesso.Il trapianto di cuore e polmoneIl trapianto di cuore può essere ortotopico (asportazione dell’organo del paziente e sostituzione, nella sede originale, con quello prelevato dal donatore) oppure eterotopico (aggiunta di un nuovo organo senza asportazione di quello malato). Le indicazioni al trapianto di cuore sono costituite dalle cardiopatie ischemiche e dalle cardiomiopatie dilatative giunte allo stadio terminale e non più trattabili con la sola terapia medica, situazioni nelle quali la morte del paziente è imminente e inevitabile. Il trapianto di cuore-polmone presenta notevoli difficoltà tecniche ed è riservato a pazienti con gravissimo deterioramento della funzionalità respiratoria e cardiocircolatoria combinate (per esempio, l’ipertensione polmonare primitiva). Il trapianto del solo polmone (eseguito perlopiù in caso di fibrosi polmonare irreversibile) non ha mai incontrato grande successo, ed è stato in pratica abbandonato.Il trapianto di fegato e di pancreasQuanto al trapianto di fegato, l’introduzione dei farmaci immunosoppressori e il miglioramento delle tecniche chirurgiche hanno sensibilmente migliorato la prognosi di questo intervento. Attualmente vi sono due principali indicazioni: la prima è costituita dalle cirrosi epatiche non maligne (in particolare quelle secondarie ad atresia biliare primitiva nei bambini), dalla cirrosi biliare, dall’epatite cronica attiva autoaggressiva, dalla sindrome di Budd-Chiari (ipertensione splenoportale); la seconda è invece rappresentata dai tumori maligni epatici primitivi non metastatizzanti. Il trapianto di pancreas può essere eseguito con prelievo dell’organo intero da cadavere, o con innesto segmentario (cioè solo di porzioni dell’organo) di tessuti prelevati sia da cadaveri, sia da viventi consanguinei. Viene eseguito in pazienti affetti da diabete insulino-dipendente, allo scopo di fornire una sorgente endogena di insulina.Il trapianto di midollo osseoDel trapianto di midollo osseo attualmente esistono due tipi: il trapianto autologo e il trapianto allogenico. Nel primo caso, in cui il donatore è il paziente stesso, si procede alla reintroduzione del midollo precedentemente prelevato dal soggetto e opportunamente purificato. Questo tipo di trapianto viene utilizzato come terapia di salvataggio dopo trattamenti antitumorali molto tossici (con farmaci che provocano, come effetto collaterale, la distruzione del midollo osseo). Nel trapianto allogenico il donatore è un individuo della stessa specie, possibilmente una sorella o un fratello, con spiccata affinità tessutale. Esso trova indicazione nelle leucemie linfatiche e non linfatiche acute, nella grave anemia aplastica, nei gravi deficit immunitari combinati, nella talassemia maior. Il trapianto di midollo osseo è spesso caratterizzato da una particolare forma di rigetto, nella quale si osserva l’aggressione da parte del tessuto trapiantato nei confronti dell’organismo ospite. Questa particolare reazione (detta GVHD = Graft Versus Host Disease, cioè malattia da reazione dell’innesto contro l’ospite) può assumere un andamento acuto o cronico, e causare la morte del paziente.Il trapianto di corneaIl trapianto di cornea, che con l’impiego del microscopio operatore, di strumenti chirurgici più affidabili, di fili di nylon inerti, ha una sopravvivenza nettamente migliorata, raggiunge percentuali di successo del 98%. Le indicazioni sono costituite dalle affezioni con opacizzazione irreversibile della cornea (cheratiti e cheratopatie di varia natura) con gravissima perdita di capacità visiva, fino alla cecità pressoché totale.

Commenti

Altri termini medici nel dizionario medico che iniziano con la 'T'

  • Tripanosomìasi
  • Gruppo di malattie infettive causate da protozoi del genere Trypanosoma. I parassiti sono trasmessi con il morso di un vettore, che per la tripanosomìasi africana è la mosca tze-tze (glossina), mentre per la forma americana è un triatoma. La forma africana, nota anche come malattia del sonno, è presente esclusivamente nelle zone tropicali e subtropicali dell’Africa. Dopo il morso, i parassiti si moltiplicano localmente nella sede di puntura, dalla quale invadono tutto l’organismo determinando ondate febbrili successive. Dopo un tempo variabile da giorni ad anni, segue l’interessamento del sistema nervoso centrale con i caratteristici sintomi (sonno invincibile, mancanza di attenzione, perdita di ogni attività fino al coma). La diagnosi di certezza si basa sulla ricerca del parassita nel sangue o degli anticorpi nel siero. La malattia, se non trattata (con suramina), [...]
  • Trattamento sanitario obbligatorio (TSO)
  • Provvedimento medico-legale che autorizza il ricovero d’urgenza in reparto psichiatrico di pazienti in stato di agitazione, pericolosi [...]
  • Tubo digerente
  • Canale alimentare dell’apparato digerente (vedi digerente, apparato) che origina nella bocca [...]
  • Tarsalgìa
  • Dolore localizzato al tarso, cioè al gruppo di ossa del piede [...]
  • Terapìa
  • Indice:Terapie particolaricomplesso di misure adottate per eliminare le malattie, i loro sintomi e le possibili complicazioni. Secondo lo scopo specifico che si propone, si definisce profilattica, causale, sintomatica. La terapìa profilattica cerca di impedire l’azione dei fattori che causano malattie evitando l’esposizione al loro contatto mediante l’isolamento, la distruzione degli animali vettori di agenti patogeni, la disinfezione di oggetti e di ambienti; oppure potenziando le resistenze e le difese organiche con un’alimentazione sana, con l’igiene della persona e dell’ambiente, con l’esercizio fisico, con l’attuazione dei mezzi atti a creare un’immunità attiva (vaccinazioni) e passiva (somministrazione di immunoglobuline) verso l’infezione. La terapìa causale si prefigge di combattere una malattia eliminando la causa stessa che l’ha provocata con l’impiego di farmaci, di mezzi fisici o con interventi chirurgici; qualora la causa sia oscura si può adottare il criterio consistente nel formulare una diagnosi di malattia probabile e nell’attuare le cure che questa richiede: l’eventuale risultato favorevole confermerà la natura del male e l’adeguatezza della terapìa. La terapìa sintomatica (ex iuvantibus) ha lo scopo di eliminare o mitigare i sintomi determinati da uno stato patologico e trova un necessario impiego quando non sia possibile combattere le cause di una malattia o quando questa abbia un decorso tanto lungo da [...]
  • Timolèttico
  • Psicofarmaco che deprime l’affettività e regola le oscillazioni del tono dell’umore e delle emozioni, permettendo il passaggio dal versante iperattivo a quello apatico. Un farmaco timolèttico può [...]
  • Tenonite
  • Processo infiammatorio a carico della sclera e dell’uvea posteriore dell’occhio, caratterizzato da dolore retrobulbare e periorbitario spontaneo, al movimento e alla palpazione, e [...]
  • Tossinfezioni alimentari
  • Malattie diarroiche acute(vedi diarrea) causate dalla ingestione di cibi contaminati da batteri, virus, protozoi o da tossine batteriche, molto più frequenti nei mesi estivi. Gli alimenti solitamente inquinati sono l’acqua, il latte e i suoi derivati (panna, creme e gelati), la carne, gli insaccati, i cibi in scatola, le uova, i pesci e i molluschi. Vengono distinte forme dovute all’azione di tossine prodotte da stafilococchi, da Escherichia coli enterotossigena, da Clostridium perfringens, e dal vibrione colerico; si tratta di disturbi in cui il danno è quasi solo funzionale, con diarrea acquosa e sintomi sistemici di breve incubazione e durata, causati solo dall’azione delle sostanze di sintesi batterica, comunque senza danno anatomico. Appartiene a questa categoria anche il botulismo, ma in questo caso le lesioni neurologiche da tossine sono gravissime e spesso mortali. Le forme gastroenterocolitiche, dovute all’azione sia del microrganismo sia dei suoi prodotti, sono causate da Escherichia coli enteroinvasiva o citotossica, shigella, salmonella, Campylobacter, Vibrio parahaemoliticus, Rotavirus, Giardia (o Lamblia). I sintomi sistemici sono più importanti, [...]
  • Terapìe sessuali
  • Terapie psicologiche che tendono a migliorare o a risolvere i disturbi sessuali. La terapìa sessuale è utile e può avere risultati solo nel caso in cui il soggetto o i partners avvertano il disagio della loro situazione, e richiedano quindi l’ausilio della terapia e del terapeuta per risolverlo. Le terapìe sessuali classiche si possono suddividere in tre filoni principali. L’approccio comportamentista parte dal presupposto che il disturbo sessuale sia frutto di un apprendimento errato, e che quindi sia necessario e sufficiente, per eliminarlo, decondizionare l’individuo e in seguito sostituire il comportamento che crea disagio con un altro considerato più desiderabile (per esempio, invita il paziente con eiaculazione [...]
  • Tumori, ormonoterapìa dei
  • Impiego di ormoni nella terapia dei tumori, che trova giustificazione nell’osservazione clinica e sperimentale che alcuni di essi hanno uno sviluppo ormonodipendente, cioè stimolato dall’azione di alcuni ormoni. È il caso del cancro della mammella, la cui crescita viene favorita dall’azione degli estrogeni (ormoni femminili), e del carcinoma prostatico in cui sono gli ormoni maschili, gli androgeni, a promuoverne l’insorgenza e lo sviluppo. La terapia si muove pertanto nella direzione di contrastare o impedire lo stimolo cancerogeno costituito dagli ormoni. Nel tumore mammario si può ricorrere all’asportazione delle ovaie, sede fisiologica della produzione di estrogeni, ma perlopiù oggi si ricorre a farmaci come il tamoxifene, in grado di bloccare l’azione fisiologica da essi esercitata. Il trattamento [...]
Seguici
facebook twitter google+ rss
Ricerca termini medici
Seguici su facebook
Questi termini medici li conosci?
Altri dizionari medici
do you network?