Trasudato. Significato del termine medico 'Trasudato' presente nel dizionario medico online gratuito.   
Dizionario medico online

Significato termine medico Trasudato

Liquido ad alta fluidità e basso contenuto di proteine che si accumula nelle cavità sierose (idrope, idrotorace, ascite) o negli spazi intercellulari (edemi) in seguito a stasi del circolo venoso o linfatico. Si differenza dall’essudato, ricco di proteine e altri materiali, che si produce nei processi infiammatori.stasi del circolo venoso o linfatico. Si differenza dall’essudato, ricco di proteine e altri materiali, che si produce nei processi infiammatori.

Commenti

Altri termini medici nel dizionario medico che iniziano con la 'T'

  • Timina
  • Una delle basi azotate che [...]
  • Tigna
  • Indice:Le tigne del peloLe tigne delle parti glabreDiagnosi e terapia(o tinea), micosi cutanea superficiale causata da dermatofiti (generi Trichophyton, Microsporum, Epidermophyton), detta anche epidermofizia. Si distinguono: tigna del pelo (tinea capitis, tinea barbae); tigna delle parti glabre (tinea corporis, tinea cruris, tinea pedis o piede d’atleta); tigna delle unghie, od onicomicosi.Le tigne del peloLe tigne del cuoio capelluto (tinea capitis) possono essere divise in favose, microsporiche e tricofitiche, in rapporto al tipo di micete responsabile. La tigna microsporica, dovuta a Microsporum canis o Microsporum audouini, colpisce i bambini (fino a 10 anni d’età) per contagio diretto o indiretto perlopiù da animali infetti (gatti, cani ecc.). Si manifesta con una o più chiazze tondeggianti delimitate, del diametro di circa 5-6 cm, ricoperte da squame bianco-grigiastre, ove i capelli appaiono spezzati e fragili. La malattia, anche non curata, guarisce spontaneamente e senza esiti cicatriziali con la pubertà. La tigna tricofitica, sostenuta da varie specie di Trichophyton, viene anch’essa trasmessa per contagio interumano o da animali domestici, e colpisce bambini in età scolare; a livello del cuoio capelluto si riscontrano piccole e numerose chiazze tondeggianti finemente desquamanti, con margini netti, ove i capelli parassitati risultano troncati poco al disopra del punto di emergenza; guarisce spontaneamente senza esiti alla pubertà, ma se è complicata da fenomeni infiammatori lascia cicatrici alopeciche permanenti. La tigna favosa, sostenuta da Trichophyton schoenleini, rara in Italia, si manifesta con ammassi miceliari fungini (scutuli) alla base dei capelli, che si presentano radi, opachi, pulverulenti. Lo scutulo ha forma [...]
  • Trapianto
  • Indice:Trapianto e rigettoIl prelievo dal donatoreIl trapianto di reneIl trapianto di cuore e polmoneIl trapianto di fegato e di pancreasIl trapianto di midollo osseoIl trapianto di corneatecnica chirurgica che sostituisce l’organo malato del paziente con un organo funzionante prelevato da un soggetto e innestato con allacciamento dei grossi vasi. I trapianti si dividono in: isotrapianto, tra gemelli monozigoti (cioè originati dalla stessa cellula uovo); allotrapianto, da individui della stessa specie; xenotrapianto, da specie diverse (per esempio, il trapianto in un organismo umano di un organo prelevato da scimpanzé). Per autotrapianto si intende invece l’innesto di un tessuto prelevato dallo stesso individuo e trapiantato in altra sede.Trapianto e rigettoUn organo trapiantato, quando si tratta di un allotrapianto o di uno xenotrapianto, evolve inevitabilmente verso il rigetto dopo un periodo di tempo molto breve: dopo 4-8 giorni, infatti, il tessuto trapiantato appare infiltrato da linfociti e plasmacellule (le cellule che mettono in atto la risposta immunologica contro il tessuto riconosciuto come estraneo): in poco tempo esso verrebbe distrutto, se non fossero somministrati al ricevente farmaci che inibiscono la risposta immunologica. Per ridurre al minimo il rischio e la gravità del rigetto è necessario scegliere un donatore che condivida con il ricevente il maggior numero di determinanti HLA (molecole presenti sulla superficie cellulare responsabili, appunto, del riconoscimento come proprio o come diverso da sé dell’organo trapiantato). Siccome generalmente non esiste un’assoluta compatibilità tra ricevente e donatore, è comunque necessario impiegare farmaci immunosoppressori. Attualmente il più usato è la ciclosporina A. Questa sostanza sembra agire soprattutto sui linfociti, mentre risparmia in buona parte le altre cellule immunitarie, che difendono l’organismo dalle infezioni. Tuttavia, dato il suo effetto tossico sul rene, occorre una costante sorveglianza sulla funzione di quest’organo.Il prelievo dal donatoreNel caso del trapianto di rene, trattandosi di un organo duplice, il prelievo si può fare anche da un donatore vivente che abbia una stretta affinità genica col ricevente (per esempio, genitori-figli), mentre per cuore, fegato, pancreas, trattandosi di organo unico, il donatore deve necessariamente essere un cadavere. L’organo da trapiantare deve avere un metabolismo efficiente, cioè non aver ancora subito le lesioni regressive che intervengono rapidamente dopo la morte: per questo viene prelevato quando le funzioni vegetative (respirazione e circolazione sanguigna) sono mantenute ancora attive mediante un respiratore automatico. L’asportazione dell’organo è possibile, per legge, solo quando la morte è inequivocabilmente provata dal tracciato elettroencefalografico durevolmente piatto, in base agli accertamenti di un collegio di tre medici, e deve essere eseguita in strutture autorizzate. L’organo prelevato deve essere subito perfuso con una soluzione che elimini il sangue e deve essere portato al più presto alla temperatura di 4 °C. In queste condizioni può essere mantenuto efficiente anche più di 24 ore e quindi essere trasportato a distanza.Il trapianto di reneIl trapianto di rene è riservato ai pazienti affetti da grave insufficienza renale irreversibile, condannati al trattamento depurativo artificiale (emodialisi, dialisi periton ambulatoriale ecc.); avviene nella stragrande maggioranza dei casi mediante un organo preleealevato da cadavere (mentre il prelievo da donatore consanguineo vivente sembra essere in costante diminuzione). Una caratteristica favorevole del [...]
  • Timostimolina
  • Farmaco costituito da un complesso ormonale estratto dal timo di bovino, con azione stimolante e regolatrice della risposta immunitaria cellulare. È impiegato negli stati di immunodeficienza [...]
  • Trichinella spiralis
  • Verme nematode, lungo 1,5 mm; [...]
  • Tamoxifene
  • Farmaco antiestrogeno utilizzato nella terapia del carcinoma mammario in pazienti che hanno [...]
  • Triangolare, muscolo
  • Muscolo appartenente ai mimici del volto, origina dal processo [...]
  • Tabe dorsale
  • Malattia del midollo spinale che consegue all’infezione sifilitica, dopo un intervallo di 5-15 anni, e rappresenta una delle manifestazioni più importanti del periodo terziario (vedi sifilide). La malattia produce lesioni infiammatorie nei nervi radicolari (nevrite radicolare trasversa), provocando la distruzione progressiva delle radici posteriori e la sclerosi dei cordoni posteriori. La sintomatologia è estremamente varia, ma prevalgono gravi disturbi della coordinazione dei movimenti generalizzati oppure circoscritti agli arti inferiori e al tronco, più raramente ai soli arti superiori, alla lingua, alla faccia, secondo la localizzazione e l’estensione del processo; frequente è una particolare forma di dissociazione sensitiva, caratterizzata da diminuzione o abolizione della sensibilità profonda e tattile, con conservazione di quella termica e dolorifica (dissociazione tabetica). Non rare sono le parestesie, i dolori ad accessi e le crisi viscerali gastriche, laringee, cardiache, [...]
  • Timololo
  • Farmaco antipertensivo betabloccante; presenta gli stessi effetti collaterali [...]
  • Tuber cinèreum
  • Formazione del cervello sita nel talamo ottico (tra il chiasma ottico, le benderelle ottiche e i corpi mammillari) e costituita da una lamina di sostanza [...]
Seguici
facebook twitter google+ rss
Ricerca termini medici
Seguici su facebook
Questi termini medici li conosci?
Altri dizionari medici
do you network?