Tricomicosi. Significato del termine medico 'Tricomicosi' presente nel dizionario medico online gratuito.   
Dizionario medico online

Significato termine medico Tricomicosi

Malattia del sistema pilifero provocata da miceti (vedi tigna).

Commenti

Altri termini medici nel dizionario medico che iniziano con la 'T'

  • Tricotomìa
  • Rasatura dei capelli o dei peli per liberare il campo operatorio e [...]
  • Travestitismo
  • Deviazione sessuale caratterizzata dal desiderio di vestire abiti tipici del sesso opposto, perlopiù accompagnata da comportamento omosessuale. Le cause del travestitismo non sono da ricercare in campo [...]
  • Treponema pàllidum
  • (famiglia Spirochetaceae), batterio a forma di filamento elicoidale, [...]
  • Tabe
  • Sindrome caratterizzata da atrofia e disgregazione di [...]
  • Transaminasi
  • Gruppo di enzimi presenti nel fegato e in altri tessuti, che si liberano quando questi tessuti subiscono un danno e quindi sono usati nella diagnosi delle malattie epatiche e di molte altre patologie. L’enzima più utilizzato è l’aspartatoaminotransferasi (vedi AST), il cui aumento nel sangue oltre i valori normali di 40 UI/ml si riscontra in caso di danno acuto alle cellule epatiche, di infarto del miocardio, di lesioni [...]
  • Tipizzazione tissutale
  • Identificazione delle caratteristiche antigeniche dei tessuti di un individuo, allo scopo di stabilire se l’organo prelevato da un certo donatore sia compatibile dal punto di vista immunologico e possa essere trapiantato nell’individuo stesso. I tessuti di un individuo presentano caratteristiche antigeniche geneticamente determinate (vedi istocompatibilità), per cui vengono riconosciuti come estranei dal sistema immunitario del ricevente, il quale attua una risposta immune contro il trapianto e ne determina la distruzione. Nel campo dei trapianti d’organo si usano diverse tecniche di tipizzazione tissutale: una di esse consiste nel mettere a contatto i [...]
  • Tromba uterina
  • (o tuba uterina, o di Falloppio), [...]
  • Tachipnea
  • Sensibile aumento del ritmo respiratorio rispetto alla norma (16-24 atti respiratori al minuto nell’adulto); si osserva negli stati febbrili, nell’insufficienza cardiaca, nelle polmoniti, nelle [...]
  • Tumori, radioterapìa dei
  • Indice:La radioterapia esternaLa radioterapia interstiziale ed endocavitariaLa radioterapia metabolicaSensibilità dei tumori alla radioterapiaLa radioterapia palliativa e di complemento chirurgicoSchemi di somministrazione ed effetti secondaritrattamento dei tumori mediante l’uso di radiazioni ionizzanti. L’impiego della radioterapia nel trattamento dei tumori si basa sulla possibilità di ottenere la distruzione totale del tumore nella sede di sviluppo, evitando il più possibile alterazioni gravi e irreversibili dei tessuti sani circostanti. L’effetto terapeutico si basa su un’azione selettiva, che induce gradualmente nelle cellule tumorali un danno incompatibile con la sopravvivenza, ma consente alle cellule normali di riprendersi dal danno subito.La radioterapia esternaLa radioterapia può essere effettuata secondo varie modalità. Nella radioterapia esterna il fascio di radiazioni, originato da un’apparecchiatura esterna al paziente, viene indirizzato sul tumore attraverso una o più regioni cutanee (dette “porte”); di prevalente impiego sono i raggi X (prodotti dagli apparecchi di roentgenterapia, dagli acceleratori e dai betatroni) e i raggi gamma, generati dalle unità di telecobaltoterapia e telecesioterapia. La roentgenterapia viene oggi impiegata nei tumori che interessano la cute e i tessuti sottocutanei. Con gli altri strumenti vengono utilizzate radiazioni ad alta energia: queste ultime si dimostrano utili per l’irradiazione di masse tumorali localizzate in zone profonde del corpo, in quanto dotate di un elevato potere di penetrazione, risparmiando però sia la cute sia i tessuti sani situati al difuori del raggio d’azione del fascio di radiazioni. Il campo d’impiego è particolarmente allargato alla cura dei linfomi, dei seminomi del testicolo e del carcinoma prostatico e in genere per aggredire voluminose masse neoplastiche viscerali.La radioterapia interstiziale ed endocavitariaLa radioterapia interstiziale (o curieterapia) prevede l’infissione di preparati radioattivi in forma di aghi, fili, o semi, nello spessore del tessuto tumorale: ha il vantaggio di consentire l’erogazione di dosi elevate di radiazioni in un piccolo volume e in un tempo relativamente breve. Si ricorre a sorgenti radioattive naturali o artificiali (radio, cesio, ma perlopiù iridio) emittenti raggi gamma: trova indicazione nei tumori che si prestano all’applicazione locale di radiazioni (carcinomi del labbro, della bocca, della lingua, della pelle, della mammella, della vulva, dell’ano). La curieterapia endocavitaria consiste nell’introduzione di preparati radioattivi contenuti in speciali applicatori o in apparecchi appositamente modellati per essere adattati in cavità naturali dell’organismo (vagina, utero). Le fonti emittenti sono le stesse utilizzate per la radioterapia interstiziale.La radioterapia metabolicaLa radioterapia metabolica prevede l’impiego di sorgenti radioattive artificiali introdotte per via orale o endovenosa. Nella maggior parte dei casi si fa ricorso a radioisotopi per la cura delle metastasi da tumori della tiroide (iodio radioattivo): l’isotopo viene attivamente captato dal tessuto tumorale, esercitando l’azione terapeutica in modo costante anche sui focolai più inaccessibili. La somministrazione intraddominale di radiooro o radiofosforo viene ancora utilizzata in qualche caso, dopo l’intervento chirurgico per tumori delle ovaie, allo scopo di eradicare residui tumorali a livello del peritoneo. Radiofosforo viene somministrato nei pazienti portatori di policitemia veraSensibilità dei tumori alla radioterapiaNel complesso la radioterapia viene utilizzata nel trattamento di molti tumori, con intento sia palliativo sia curativo, analogamente alle altre modalità terapeutiche di impiego oncologico. I tumori più sensibili al danno indotto da radiazioni sono quelli del sistema linfatico, il seminoma del testicolo, i carcinomi indifferenziati delle prime vie respiratorie e digestive, il sarcoma osseo di Ewing, il basalioma e l’epitelioma cutanei. A questi vanno aggiunti il tumore del corpo dell’utero, il carcinoma mammario, i tumori del grosso intestino e di alcune ghiandole endocrine (ipofisi e tiroide), dell’ovaio e del testicolo; meno sensibili sono i tumori del sistema nervoso, i sarcomi dei tessuti molli, l’osteosarcoma e il melanoma. Va precisato che, oltre al fattore [...]
  • Terapie comportamentali
  • Tecniche psicoterapeutiche che si basano sui principi teorici del comportamentismo e in modo particolare sulla sua concezione dell’apprendimento. Lo scopo delle terapie comportamentali è il rafforzamento dei comportamenti adattivi e la diminuzione [...]
Seguici
facebook twitter google+ rss
Ricerca termini medici
Seguici su facebook
Questi termini medici li conosci?
Altri dizionari medici
do you network?