Tricùspide, vàlvola. Significato del termine medico 'Tricùspide, vàlvola' presente nel dizionario medico online gratuito.   
Dizionario medico online

Significato termine medico Tricùspide, vàlvola

Valvola situata sull’orifizio atrioventricolare destro del cuore, caratterizzata dalla presenza di tre lembi (o cuspidi), su cui si inseriscono le formazioni tendinee che partono dai pilastri del ventricolo; la chiusura della vàlvola tricùspide impedisce il riflusso del sangue nell’atrio durante la sistole del ventricolo.del ventricolo; la chiusura della vàlvola tricùspide impedisce il riflusso del sangue nell’atrio durante la sistole del ventricolo.

Commenti

Altri termini medici nel dizionario medico che iniziano con la 'T'

  • Teca
  • In anatomia, termine generico per indicare rivestimenti di varia forma e natura, membrane ecc., che circondano o ricoprono visceri: teca cranica, [...]
  • Tricomicosi
  • Malattia del sistema pilifero provocata [...]
  • Trauma da parto
  • Stato di sofferenza fetale causato da insufficiente ossigenazione nel [...]
  • Tracoma
  • Grave forma di infezione della congiuntiva e della cornea (cheratocongiuntivite) ad andamento cronico, causata da un batterio gram-negativo trasmesso da mosche o per trasferimento diretto attraverso mani e panni infetti. I paesi più colpiti sono quelli a clima subtropicale, nonché i paesi indigenti del bacino del Mediterraneo. Quando le condizioni igieniche delle popolazioni sono scadenti, pur essendo poco contagioso il tracoma trova il modo di diffondersi con maggiore facilità. Generalmente il tracoma esordisce come una congiuntivite follicolare, la cui sintomatologia è quasi nulla; in seguito i follicoli si ingrossano, così che la congiuntivite si cronicizza e dà [...]
  • Tiralatte
  • Coppetta fornita di una pompetta aspirante usata per l’estrazione di latte dalla mammella, in caso di malformazione dei capezzoli della donna o di incapacità di suzione al seno da [...]
  • Trombolìtici
  • Farmaci in grado di scindere la fibrina, cioè di dissolvere i coaguli fibrinosi e di sciogliere i trombi e gli emboli che occludono un vaso sanguigno. Le sostanze che svolgono attività trombolitica sono l’urochinasi e la streptochinasi. I trombolìtici sono impiegati nella terapia dell’embolia polmonare, della trombosi profonda delle vene degli arti inferiori, delle occlusioni arteriose acute, dell’infarto miocardico acuto, nell’intento di ottenere la ricanalizzazione del vaso coronarico occluso dalla lesione trombotica. Questa terapia è in genere tanto più efficace quanto più tempestiva è la sua attuazione. L’impiego dei trombolìtici espone naturalmente il paziente al rischio di fenomeni emorragici, anche gravi, per [...]
  • Tossiemìa
  • Presenza nel sangue di elevate concentrazioni di sostanze tossiche di origine endogena, a [...]
  • Tromboelastogramma
  • Vedi tromboelastografia. [...]
  • Tossicomanìa
  • Vedi tossicodipendenza. [...]
  • Tromboflebite
  • Infiammazione della parete di un vaso venoso, seguita dalla formazione di un trombo. Fattori causali e predisponenti possono essere costituiti da: aumento della coagulabilità del sangue o del numero delle piastrine; diminuzione della velocità di circolazione del sangue periferico; lesioni delle pareti venose; malattie infettive; gravidanza e parto; interventi chirurgici; traumi; stati tossici e cachettici. Le sedi più frequenti sono le vene degli arti inferiori, la vena cava inferiore, le vene pelviche, la vena porta, i seni della dura madre; spesso si osservano tromboflebiti migranti successivamente in vari distretti. La tromboflebite degli arti inferiori si manifesta con dolore, che inizialmente è sordo e poi diventa bruciante, febbricola, edema, aumento della temperatura e notevole arrossamento della cute soprastante [...]
Seguici
facebook twitter google+ rss
Ricerca termini medici
Seguici su facebook
Questi termini medici li conosci?
Altri dizionari medici
do you network?