Tubo digerente. Significato del termine medico 'Tubo digerente' presente nel dizionario medico online gratuito.   
Dizionario medico online

Significato termine medico Tubo digerente

Canale alimentare dell’apparato digerente (vedi digerente, apparato) che origina nella bocca e termina con lo sfintere anale; comprende esofago, stomaco, intestino.

Commenti

Altri termini medici nel dizionario medico che iniziano con la 'T'

  • Tubercoloderma
  • Malattia caratterizzata da manifestazioni cutanee di natura tubercolare, con aspetti clinici vari. La forma verrucosa, piuttosto frequente, da autoinoculazione, accidentale o professionale (infermieri, medici ecc.), si manifesta con elementi simili a verruche, circondati da alone eritematoso violaceo, a lento accrescimento. I tubercoloderma [...]
  • Tendinite
  • Infiammazione dei tendini, che può essere isolata o, più frequentemente, coinvolgere la guaina tendinea (vedi tenosinovite); [...]
  • Triamterene
  • Farmaco diuretico che agisce sulla pompa sodio-potassio del tubulo renale provocando un risparmio di potassio. È impiegato nello scompenso cardiaco, negli edemi, nell’ipertensione; è controindicato in [...]
  • Tìnea
  • Nome latino della [...]
  • Tiroidei, ormoni
  • Ormoni secreti dalla tiroide; i principali sono: triiodotironina (o T3) e tiroxina (T4). Nelle loro molecole sono contenuti rispettivamente 3 e 4 atomi di iodio. La tiroide produce T4 in concentrazioni molto maggiori rispetto a T3. Quest’ultima è però molto più attiva e può essere a sua volta ottenuta dall’ormone T4 per una trasformazione enzimatica che avviene nel circolo sanguigno, a seconda delle necessità dell’organismo. In condizioni fisiologiche gli ormoni tiroidei stimolano i processi cosiddetti anabolici, vale a dire di [...]
  • Tìmpano, cassa del
  • Cavità interna in cui si trova la catena dei tre ossicini, la quale [...]
  • Turner, sìndrome di
  • Anomalia cromosomica che colpisce le donne, caratterizzata da corredo cromosomico XO/XX. È rara e nel 99% dei casi determina aborto. Le pazienti affette da sìndrome di Turner presentano bassa statura, infantilismo sessuale, collo tozzo, valgismo del gomito, facies inespressiva (da “sfinge”), torace a corazza, attacco basso dei capelli, epicanto, anomalie dei dermatoglifi. Alla nascita le ovaie in genere sono normali, ma alla pubertà, al posto delle ovaie, sono presenti solo due benderelle fibrose con conseguente amenorrea primaria. Nella maggior parte dei casi l’intelligenza è normale; una minoranza presenta modesto ritardo mentale. La patologia [...]
  • Timpanostapedopessìa
  • Contatto diretto che si instaura fra neotimpano [...]
  • Tumori, radioterapìa dei
  • Indice:La radioterapia esternaLa radioterapia interstiziale ed endocavitariaLa radioterapia metabolicaSensibilità dei tumori alla radioterapiaLa radioterapia palliativa e di complemento chirurgicoSchemi di somministrazione ed effetti secondaritrattamento dei tumori mediante l’uso di radiazioni ionizzanti. L’impiego della radioterapia nel trattamento dei tumori si basa sulla possibilità di ottenere la distruzione totale del tumore nella sede di sviluppo, evitando il più possibile alterazioni gravi e irreversibili dei tessuti sani circostanti. L’effetto terapeutico si basa su un’azione selettiva, che induce gradualmente nelle cellule tumorali un danno incompatibile con la sopravvivenza, ma consente alle cellule normali di riprendersi dal danno subito.La radioterapia esternaLa radioterapia può essere effettuata secondo varie modalità. Nella radioterapia esterna il fascio di radiazioni, originato da un’apparecchiatura esterna al paziente, viene indirizzato sul tumore attraverso una o più regioni cutanee (dette “porte”); di prevalente impiego sono i raggi X (prodotti dagli apparecchi di roentgenterapia, dagli acceleratori e dai betatroni) e i raggi gamma, generati dalle unità di telecobaltoterapia e telecesioterapia. La roentgenterapia viene oggi impiegata nei tumori che interessano la cute e i tessuti sottocutanei. Con gli altri strumenti vengono utilizzate radiazioni ad alta energia: queste ultime si dimostrano utili per l’irradiazione di masse tumorali localizzate in zone profonde del corpo, in quanto dotate di un elevato potere di penetrazione, risparmiando però sia la cute sia i tessuti sani situati al difuori del raggio d’azione del fascio di radiazioni. Il campo d’impiego è particolarmente allargato alla cura dei linfomi, dei seminomi del testicolo e del carcinoma prostatico e in genere per aggredire voluminose masse neoplastiche viscerali.La radioterapia interstiziale ed endocavitariaLa radioterapia interstiziale (o curieterapia) prevede l’infissione di preparati radioattivi in forma di aghi, fili, o semi, nello spessore del tessuto tumorale: ha il vantaggio di consentire l’erogazione di dosi elevate di radiazioni in un piccolo volume e in un tempo relativamente breve. Si ricorre a sorgenti radioattive naturali o artificiali (radio, cesio, ma perlopiù iridio) emittenti raggi gamma: trova indicazione nei tumori che si prestano all’applicazione locale di radiazioni (carcinomi del labbro, della bocca, della lingua, della pelle, della mammella, della vulva, dell’ano). La curieterapia endocavitaria consiste nell’introduzione di preparati radioattivi contenuti in speciali applicatori o in apparecchi appositamente modellati per essere adattati in cavità naturali dell’organismo (vagina, utero). Le fonti emittenti sono le stesse utilizzate per la radioterapia interstiziale.La radioterapia metabolicaLa radioterapia metabolica prevede l’impiego di sorgenti radioattive artificiali introdotte per via orale o endovenosa. Nella maggior parte dei casi si fa ricorso a radioisotopi per la cura delle metastasi da tumori della tiroide (iodio radioattivo): l’isotopo viene attivamente captato dal tessuto tumorale, esercitando l’azione terapeutica in modo costante anche sui focolai più inaccessibili. La somministrazione intraddominale di radiooro o radiofosforo viene ancora utilizzata in qualche caso, dopo l’intervento chirurgico per tumori delle ovaie, allo scopo di eradicare residui tumorali a livello del peritoneo. Radiofosforo viene somministrato nei pazienti portatori di policitemia veraSensibilità dei tumori alla radioterapiaNel complesso la radioterapia viene utilizzata nel trattamento di molti tumori, con intento sia palliativo sia curativo, analogamente alle altre modalità terapeutiche di impiego oncologico. I tumori più sensibili al danno indotto da radiazioni sono quelli del sistema linfatico, il seminoma del testicolo, i carcinomi indifferenziati delle prime vie respiratorie e digestive, il sarcoma osseo di Ewing, il basalioma e l’epitelioma cutanei. A questi vanno aggiunti il tumore del corpo dell’utero, il carcinoma mammario, i tumori del grosso intestino e di alcune ghiandole endocrine (ipofisi e tiroide), dell’ovaio e del testicolo; meno sensibili sono i tumori del sistema nervoso, i sarcomi dei tessuti molli, l’osteosarcoma e il melanoma. Va precisato che, oltre al fattore [...]
  • Tigna
  • Indice:Le tigne del peloLe tigne delle parti glabreDiagnosi e terapia(o tinea), micosi cutanea superficiale causata da dermatofiti (generi Trichophyton, Microsporum, Epidermophyton), detta anche epidermofizia. Si distinguono: tigna del pelo (tinea capitis, tinea barbae); tigna delle parti glabre (tinea corporis, tinea cruris, tinea pedis o piede d’atleta); tigna delle unghie, od onicomicosi.Le tigne del peloLe tigne del cuoio capelluto (tinea capitis) possono essere divise in favose, microsporiche e tricofitiche, in rapporto al tipo di micete responsabile. La tigna microsporica, dovuta a Microsporum canis o Microsporum audouini, colpisce i bambini (fino a 10 anni d’età) per contagio diretto o indiretto perlopiù da animali infetti (gatti, cani ecc.). Si manifesta con una o più chiazze tondeggianti delimitate, del diametro di circa 5-6 cm, ricoperte da squame bianco-grigiastre, ove i capelli appaiono spezzati e fragili. La malattia, anche non curata, guarisce spontaneamente e senza esiti cicatriziali con la pubertà. La tigna tricofitica, sostenuta da varie specie di Trichophyton, viene anch’essa trasmessa per contagio interumano o da animali domestici, e colpisce bambini in età scolare; a livello del cuoio capelluto si riscontrano piccole e numerose chiazze tondeggianti finemente desquamanti, con margini netti, ove i capelli parassitati risultano troncati poco al disopra del punto di emergenza; guarisce spontaneamente senza esiti alla pubertà, ma se è complicata da fenomeni infiammatori lascia cicatrici alopeciche permanenti. La tigna favosa, sostenuta da Trichophyton schoenleini, rara in Italia, si manifesta con ammassi miceliari fungini (scutuli) alla base dei capelli, che si presentano radi, opachi, pulverulenti. Lo scutulo ha forma [...]
Seguici
facebook twitter google+ rss
Ricerca termini medici
Seguici su facebook
Questi termini medici li conosci?
Altri dizionari medici
do you network?