Ulna. Significato del termine medico 'Ulna' presente nel dizionario medico online gratuito.   
Dizionario medico online

Significato termine medico Ulna

(o cubito), osso lungo che con il radio forma lo scheletro dell’avambraccio. In essa si possono distinguere un corpo e due estremità. Il corpo, o diafisi, ha forma prismatico-triangolare; l’estremità prossimale, o epifisi, presenta un’incisura delimitata da due apofisi (olecrano e coronoide) su cui si articola, nel gomito, l’omero; l’altra epifisi distale si articola invece con l’estremità inferiore del radio (articolazione radio-ulnare) e con l’osso piramidale del carpo (articolazione del polso, o radiocarpica).(o cubito), osso lungo che con il radio forma lo scheletro dell’avambraccio. In essa si possono distinguere un corpo e due estremità. Il corpo, o diafisi,



ha forma prismatico-triangolare; l’estremità prossimale, o epifisi, presenta un’incisura delimitata da due apofisi (olecrano e coronoide) su cui si articola, nel gomito, l’omero; l’altra epifisi distale si articola invece con l’estremità inferiore del radio (articolazione radio-ulnare) e con l’osso piramidale del carpo (articolazione del polso, o radiocarpica).

Commenti

Altri termini medici nel dizionario medico che iniziano con la 'U'

  • Udito
  • Indice:Lo stimolo uditivoLa percezione del suonoFunzioni uditive cerebralisenso attraverso il quale vengono percepiti i suoni e i rumori.Lo stimolo uditivoLo stimolo per la sensazione uditiva è rappresentato dalla vibrazione di corpi elastici che si propaga sotto forma di onde risultanti da alterne compressioni e rarefazioni dell’aria. Queste onde, raccolte dal padiglione auricolare, stimolano i recettori specifici situati nell’organo del Corti generando potenziali d’azione che si trasmettono ai centri attraverso le fibre del nervo cocleare. Affinché le vibrazioni sonore possano agire da stimolo, devono essere fornite di una certa energia, durata e frequenza. Le vibrazioni danno vita alla sensazione del suono se sono regolari, cioè periodiche, e uniformi; provocano invece la sensazione del rumore se sono aperiodiche e non uniformi. L’intensità del suono diminuisce in ragione inversa del quadrato della distanza della sorgente sonora. La qualità dello stimolo uditivo (altezza del suono) dipende dalla lunghezza d’onda della vibrazione.La percezione del suonoLe onde sonore raccolte dal padiglione auricolare giungono alla membrana del timpano situata nel fondo del condotto uditivo esterno. Questa membrana ha la proprietà di vibrare per effetto delle onde sonore, riproducendo le oscillazioni dell’aria senza alterarne la frequenza o l’ampiezza. Le vibrazioni della membrana del timpano si trasmettono al liquido del labirinto attraverso la catena degli ossicini [...]
  • ùlcera varicosa
  • Ulcera che si forma per lo più sulla parte inferiore della gamba presso la caviglia (perciò è chiamata anche ulcera trofica della gamba), causata da disturbi circolatori venosi o arterovenosi in persone che soffrono di insufficienza venosa degli arti inferiori, varici, flebiti, varicoflebiti, favorite da malattie sistemiche quali diabete, ipertensione, cardiopatie. Si forma: per lento [...]
  • Uremìa
  • Condizione tossica dovuta all’accumulo nel sangue dei prodotti terminali del metabolismo delle proteine e dell’urea, che il rene elimina in condizioni normali, ma che vengono trattenuti nell’organismo in presenza di alterazioni della funzione di quest’organo. L’uremìa rappresenta [...]
  • Ultrastruttura
  • Struttura di tessuti o cellule osservabile solo al microscopio elettronico [...]
  • Uovo
  • Indice:RiproduzioneAlimentazioneRiproduzioneIl gamete femminile maturo (o cellula uovo, o ovocito), prodotto dell’ovogenesi, è una cellula di grandi dimensioni, fornita di abbondante citoplasma, circondata da una membrana detta zona pellucida. Viene espulso dall’ovaio con l’ovulazione. AlimentazioneLe uova di uso alimentare sono perlopiù quelle di gallina: esse contengono il 14% di proteine, che sono della qualità più completa ed equilibrata in aminoacidi essenziali, tanto che rappresentano la pietra di paragone usata per giudicare la qualità delle proteine contenute negli altri alimenti. Le uova contengono inoltre l’11% di lipidi e una quantità di glicidi trascurabile. Le sostanze nutritive non sono omogeneamente distribuite: l’albume (parte più esterna e bianca) è meno ricco di proteine e di lipidi rispetto al tuorlo; entrambi contengono però tutti gli aminoacidi essenziali. Il tuorlo è costituito per la maggior parte da fosfolipidi (lecitine): è [...]
  • ùrico, àcido
  • Prodotto terminale del metabolismo delle purine, a loro volta derivate dagli acidi nucleici che costituiscono il DNA nel nucleo di tutte le cellule. L’àcido ùrico è un composto poco solubile, che facilmente precipita in cristalli. La sua solubilità dipende dalla temperatura e dall’acidità del sangue, dalle condizioni dei vasi sanguigni e dalla sua stessa concentrazione (infatti tende a precipitare nell’iperuricemia). L’àcido ùrico circola nel sangue (vedi uricemia) in parte libero e in parte legato a proteine di trasporto. Circa 450 mg di àcido ùrico sono escreti giornalmente con le urine e altri 200 mg sono eliminati attraverso il tubo gastrointestinale; quest’ultima quota viene quasi completamente demolita dalla flora batterica intestinale ed eliminata sotto forma di ammoniaca e anidride carbonica [...]
  • ùtero, tumori dell’
  • Neoplasie benigne e maligne che colpiscono l’utero; vengono distinte in tumori della cervice (o collo) e tumori del corpo. La cervice può essere interessata da polipi, che sono abbastanza frequenti: colpiscono perlopiù donne tra i 40 e i 50 anni, danno sintomatologia scarsa o nulla, sono benigni e possono essere asportati chirurgicamente (polipectomia cervicale); la cervice può inoltre essere interessata da papillomi, che insorgono più spesso in gravidanza e possono regredire dopo il puerperio, e dal cancro del collo, che è il tumore maligno più frequente a livello dell’apparato genitale femminile. La mortalità per cancro del collo dell’utero è molto diminuita negli ultimi decenni grazie all’introduzione del pap-test, con cui è possibile diagnosticare quelle lesioni cervicali (displasie) da cui può originare il processo maligno, oppure evidenziare lesioni carcinomatose non ancora sintomatiche e poco diffuse. La terapia [...]
  • Ureteronefrectomìa
  • Intervento chirurgico di asportazione di un rene [...]
  • Ubriachezza
  • Sininimo di [...]
  • ùlcera molle
  • (o ulcera di Ducrey), malattia altamente infettiva causata da Haemophilus ducreyi, un batterio gram-negativo. Il contagio è per via diretta, tramite rapporto sessuale. Dopo l’incubazione, che può variare dai 2 ai 14 giorni, si formano nella regione genitale e in quella anale delle lesioni vescico-pustolose che rompendosi danno origine a ulcerazioni dai [...]
Seguici
facebook twitter google+ rss
Ricerca termini medici
Seguici su facebook
Questi termini medici li conosci?
Altri dizionari medici
do you network?