Vulva, tumori della. Significato del termine medico 'Vulva, tumori della' presente nel dizionario medico online gratuito.   
Dizionario medico online

Significato termine medico Vulva, tumori della

Tumori che colpiscono la vulva, il più frequente dei quali è il carcinoma vulvare, che si manifesta perlopiù in donne tra i 60 e i 75 anni; il sintomo iniziale, il più delle volte sottovalutato, è il prurito, mentre il dolore compare tardivamente, spesso quando il processo si è già diffuso ai linfonodi. Il carcinoma insorge di frequente in aree già interessate da lesioni di vario tipo (infiammazioni croniche, papillomi benigni, distrofie), per cui bisogna tenere sotto controllo ogni alterazione vulvare, soprattutto dopo la menopausa. La terapia è chirurgica (vulvectomia). Altri tipi di tumori della vulva sono assai rari.Tumori che colpiscono la vulva, il più frequente dei quali è il carcinoma vulvare, che si manifesta perlopiù in donne tra i 60 e i 75



anni; il sintomo iniziale, il più delle volte sottovalutato, è il prurito, mentre il dolore compare tardivamente, spesso quando il processo si è già diffuso ai linfonodi. Il carcinoma insorge di frequente in aree già interessate da lesioni di vario tipo (infiammazioni croniche, papillomi benigni, distrofie), per cui bisogna tenere sotto controllo ogni alterazione vulvare, soprattutto dopo la menopausa. La terapia è chirurgica (vulvectomia). Altri tipi di tumori della vulva sono assai rari.

Commenti

Altri termini medici nel dizionario medico che iniziano con la 'V'

  • Vàlvole cardìache
  • Apparati regolatori del flusso sanguigno tra atri e ventricoli e tra ventricoli e arterie polmonare e aortica, che hanno la funzione di impedire il reflusso del sangue dal ventricolo all’atrio e dal circolo periferico nei ventricoli. Sono la valvola atrioventricolare di destra (o valvola tricuspide), la valvola atrioventricolare di sinistra (o valvola mitrale), la valvola aortica, posta tra ventricolo sinistro e aorta, e la valvola polmonare, posta tra ventricolo destro e arteria polmonare. La tricuspide è formata da tre lembi a forma di vela (cuspide) mantenuti in tensione dai muscoli papillari per mezzo di corde tendinee. Al momento della sistole ventricolare, cioè quando il cuore si contrae per spingere il sangue nei polmoni, la massa ematica contenuta nel ventricolo, premendo contro [...]
  • Vitamine del complesso B
  • Indice:La vitamina B1La vitamina B2Le vitamine B5 e B6La vitamina B12insieme di vitamine idrosolubili, che partecipano a molte reazioni enzimatiche indispensabili per la vita. L’idrosolubilità le rende facilmente assorbibili dall’intestino. In parte sono sintetizzate dalla flora batterica normalmente presente nell’intestino; sono distribuite in tutti i tessuti e organi, e vengono continuamente e abbondantemente consumate da parte delle cellule.La vitamina B1La vitamina B1, detta anche tiamina, contribuisce a liberare l’energia contenuta nei carboidrati. È presente in tutti i tessuti animali e vegetali; se introdotta in eccesso viene in gran parte eliminata per via urinaria. Una notevole quantità di tiamina viene perduta durante la cottura degli alimenti o nel corso di trattamenti industriali. La sua carenza causa il beri-beri.La vitamina B2La vitamina B2, o riboflavina, è molto diffusa nelle verdure fresche, nel tessuto adiposo e muscolare degli animali (carne); favorisce la liberazione di energia da carboidrati, lipidi e proteine. È stabile al calore, e quindi non viene distrutta dalla cottura, ma è sensibile alla luce (deve essere conservata al buio). Le riserve di vitamina B2 persistono a lungo, perciò i sintomi di carenza si instaurano solo dopo molto tempo di ridotta assunzione. La sintesi di questa vitamina può aver luogo anche per azione della flora batterica intestinale (sintesi che non copre però l’intero fabbisogno). La sua carenza porta a lesioni alla bocca e agli occhi.Le vitamine B5 e B6La vitamina B5, o acido pantotenico, è contenuta in tutti gli alimenti, di origine animale o vegetale, e quindi è difficile che si verifichino situazioni di carenza. Ne sono ricchi i cereali integrali, la carne, le noci, [...]
  • Vescica
  • In patologia, sinonimo di vescicola; in [...]
  • Villocentesi
  • Procedura che permette il prelievo di un campione di tessuto coriale per indagini di tipo [...]
  • Verruca
  • Neoformazione proliferativa dell’epidermide. La verruca senile, o seborroica, forma un rilievo tondeggiante, del diametro di 4-5 mm, ricoperto di sostanza cornea, di color grigio-bruno-nerastro, con sede elettiva sul torace, specie al dorso, per quanto non ne sia raro il riscontro anche agli arti e al viso. La verruca [...]
  • Verme solitario
  • Sinonimo di [...]
  • Visione
  • Meccanismo della percezione visiva [...]
  • Vasodilatatori
  • Farmaci che aumentano il calibro dei vasi sanguigni. Se intervengono sulle vene riducono l’afflusso del sangue al cuore e provocano una diminuzione della pressione nel piccolo circolo; se intervengono sulle arterie fanno diminuire la pressione sistemica. Sono di tre tipi a seconda del meccanismo d’azione: vasodilatatori ad azione sulla muscolatura vascolare diretta (nitroderivati quali nitriti d’amile e trinitrina usata soprattutto come coronarodilatatore); vasodilatatori inibitori delle fibre vasocostrittrici (spasmolitici, adrenolitici, ganglioplegici: tra questi la papaverina, [...]
  • Vertìgine
  • Sensazione illusoria di rotazione o di spostamento oscillatorio degli oggetti e dell’ambiente circostante o del proprio corpo rispetto all’ambiente, dovuta a perturbamento del senso dell’equilibrio. Si definisce oggettiva la vertìgine per la quale il soggetto avverte lo spostamento dell’ambiente; soggettiva quella in cui il paziente prova la sensazione di ruotare in un ambiente fisso; sistematica la vertìgine rotatoria in un determinato senso del proprio corpo o dell’ambiente. Le varie forme cliniche vengono classificate in relazione alle cause. La vertìgine può essere sintomo [...]
  • Vaccinazione
  • Indice:Le disposizioni sanitarie sulle vaccinazionipratica di profilassi immunitaria, cioè di prevenzione delle malattie infettive, ottenuta stimolando il sistema immunitario del soggetto con vaccini, specifici per ogni microrganismo infettivo. Questa stimolazione viene mantenuta molto a lungo (per i vaccini più efficaci dura tutta la vita), così che quando il soggetto viene a contatto con il microrganismo il suo sistema immunitario è in grado di reagire con una risposta molto potente e specifica, tale da impedire l’insorgere dell’infezione (il soggetto è immune). Lo scopo della vaccinazione non è solo di protezione individuale. Infatti se si riesce a vaccinare più dell’80% degli individui esposti al rischio d’infezione, si determina immunitàdi massa che, in certa misura, protegge anche gli individui non vaccinati: infatti, la catena di trasmissione, necessaria ad alcuni microrganismi per mantenersi vivi all’interno di una popolazione, sarà continuamente spezzata dai soggetti immuni. Con l’immunizzazione di massa, prodotta per un certo numero di anni, si può quindi eliminare completamente l’infezione nella popolazione. Su un principio diverso si basa, invece, la vaccinazione selettiva, il cui fine è la protezione di gruppi della popolazione esposti a un rischio di malattia particolarmente alto.Le disposizioni sanitarie sulle vaccinazioniLe vaccinazioni si dividono in obbligatorie, raccomandate, consigliate in determinate circostanze. Le vaccinazioni attualmente obbligatorie, cioè prescritte per legge, in Italia sono l’antipoliomielitica, l’antidifterica, l’antitetanica. Sono consigliate le vaccinazioni antipertosse, antimorbillo, antirosolia. Il vaccino commerciale più usato associa [...]
Seguici
facebook twitter google+ rss
Ricerca termini medici
Seguici su facebook
Questi termini medici li conosci?
Altri dizionari medici
do you network?