Termini medici nel dizionario medico online gratuito che iniziano con la lettera 'U'.   
Dizionario medico online

Termini medici nel dizionario medico che iniziano con la 'U'

  • Ubidecarenone
  • Farmaco miocardiotrofico detto anche coenzima Q; svolge un ruolo fondamentale nel metabolismo energetico cellulare. È impiegato nelle alterazioni cardiache: miocardiosclerosi, insufficienza cardiaca (in associazione a digitalici o altri cardiotonici), coadiuvante nella [...]
  • Ubriachezza
  • Sininimo di [...]
  • Udibilità
  • Possibilità di uno stimolo sonoro di essere percepito dall’organo uditivo umano, ossia di essere di intensità superiore alla corrispondente soglia di udibilità e inferiore alla soglia di dolore. Dal punto di vista della frequenza, si definiscono i limiti di udibilità [...]
  • Udito
  • Indice:Lo stimolo uditivoLa percezione del suonoFunzioni uditive cerebralisenso attraverso il quale vengono percepiti i suoni e i rumori.Lo stimolo uditivoLo stimolo per la sensazione uditiva è rappresentato dalla vibrazione di corpi elastici che si propaga sotto forma di onde risultanti da alterne compressioni e rarefazioni dell’aria. Queste onde, raccolte dal padiglione auricolare, stimolano i recettori specifici situati nell’organo del Corti generando potenziali d’azione che si trasmettono ai centri attraverso le fibre del nervo cocleare. Affinché le vibrazioni sonore possano agire da stimolo, devono essere fornite di una certa energia, durata e frequenza. Le vibrazioni danno vita alla sensazione del suono se sono regolari, cioè periodiche, e uniformi; provocano invece la sensazione del rumore se sono aperiodiche e non uniformi. L’intensità del suono diminuisce in ragione inversa del quadrato della distanza della sorgente sonora. La qualità dello stimolo uditivo (altezza del suono) dipende dalla lunghezza d’onda della vibrazione.La percezione del suonoLe onde sonore raccolte dal padiglione auricolare giungono alla membrana del timpano situata nel fondo del condotto uditivo esterno. Questa membrana ha la proprietà di vibrare per effetto delle onde sonore, riproducendo le oscillazioni dell’aria senza alterarne la frequenza o l’ampiezza. Le vibrazioni della membrana del timpano si trasmettono al liquido del labirinto attraverso la catena degli ossicini [...]
  • ùgola
  • Prolungamento mediano e verticale che si stacca dalla porzione centrale del margine libero del [...]
  • ùlcera
  • Escavazione della superficie di un organo o di un tessuto causata sempre da un processo patologico che interessa gli strati più profondi del tessuto colpito; è caratterizzata da scarse capacità riparative spontanee. Le cause determinanti sono varie: processi infiammatori, [...]
  • ùlcera duodenale
  • Tipo di ulcera peptica che [...]
  • ùlcera gàstrica
  • Tipo di ulcera peptica che [...]
  • ùlcera molle
  • (o ulcera di Ducrey), malattia altamente infettiva causata da Haemophilus ducreyi, un batterio gram-negativo. Il contagio è per via diretta, tramite rapporto sessuale. Dopo l’incubazione, che può variare dai 2 ai 14 giorni, si formano nella regione genitale e in quella anale delle lesioni vescico-pustolose che rompendosi danno origine a ulcerazioni dai [...]
  • ùlcera pèptica
  • Esistono tre tipi di ulcera peptica: ulcera correlata a Helicobacter pylori, ulcere correlate ai FANS e ulcere di Zollinger-Ellison. In circostanze normali, l'attività della mucosa gastrica e duodenale è mantenuta grazie a un bilancio tra fattori aggressivi, come l'acido e la pepsina, e i normali meccanismi difensivi dell'epitelio gastrico e duodenale, fra cui la secrezione di muco e bicarbonato e la rigenerazione di nuove cellule epiteliali. Questi meccanismi di difesa dipendono dalla sintesi di prostaglandine da parte della mucosa. L'Helicobacter Pylori produce una infezione cronica durante la quale il batterio si attacca alle cellule epiteliali gastriche, rilasciando una varietà di enzimi extracellulari, fra cui l'ureasi, che rompe lo strato mucoso della parete gastrica. Sebbene una gastrite cronica attiva sia presente in tutte le persone infette, solo una minoranza sviluppa in realtà ulcere duodenali. Eventi critici nello sviluppo dell'ulcera duodenale comprendono lo sviluppo di metaplasia plastica nel bulbo duodenale, la colonizzazione della metaplasia da parte di Helicobacter Pylori e la secrezione di proteine citotossiche da parte di alcuni ceppi. L'eradicazione di Helicobacter Pylori ripristina i livelli di gastrina basali e postprandiali al valore normale ed elimina sostanzialmente il rischio di ulcera peptica ricorrente.Le ulcere correlate ai FANS sono causate soprattutto dall'inibizione della sintesi di prostaglandine da parte dei FANS. Pertanto l'ulcera peptica può seguire la somministrazione intrarettale o parenterale di FANS. Alcuni FANS presentano anche un effetto tossico topico diretto, che è stato meglio studiato con l'aspirina. L'aspirina facilita la retrodiffusione di acido attaverso la mucosa gastrica.Le ulcere di Zollinger-Ellison sono causate dall'ipersecrezione di acido, che deriva direttamente da elevati livelli circolanti di gastrina prodotti da tumori endocrini che originano nel pancreas o nella parete dell'intestino tenue.Altri fattori ritenuti tradizionalmente importanti nell'eziopatogenesi dell'ulcera peptica possono modificare il rischio di malattia ulcerosa, ma di se stessi non sono sufficienti a provocare ulcere. Di questi il più importante è il fumo di sigaretta. Il rischio di sviluppo di ulcera duodenale, il rischio di fallimento della terapia antisecretoria e il rischio di [...]
  • ùlcera varicosa
  • Ulcera che si forma per lo più sulla parte inferiore della gamba presso la caviglia (perciò è chiamata anche ulcera trofica della gamba), causata da disturbi circolatori venosi o arterovenosi in persone che soffrono di insufficienza venosa degli arti inferiori, varici, flebiti, varicoflebiti, favorite da malattie sistemiche quali diabete, ipertensione, cardiopatie. Si forma: per lento [...]
  • Ulna
  • (o cubito), osso lungo che con il radio forma lo scheletro dell’avambraccio. In essa si possono distinguere un corpo e due estremità. Il corpo, o diafisi, ha forma prismatico-triangolare; l’estremità prossimale, o epifisi, presenta un’incisura delimitata da [...]
  • Ulnare, arteria
  • Vaso che decorre lungo il [...]
  • Ulnare, vena
  • Vaso che decorre lungo la [...]
  • Ultrastruttura
  • Struttura di tessuti o cellule osservabile solo al microscopio elettronico [...]
  • Ultrasuoni
  • Onde sonore a frequenza superiore ai 20 000 Hz, oltre il limite di sensibilità dell’udito umano, che non riesce a coglierle. Sono prodotti da cristalli attivati da un campo elettrico alternato. Vengono impiegati nell’ultrasuonoterapia, applicandoli [...]
  • Ultrasuonografìa
  • Sinonimo di [...]
  • Ultrasuonoterapìa
  • Utilizzazione degli ultrasuoni per la cura di forme neuritiche, artritiche, artrosiche e di stati infiammatori superficiali (ascessi, infiltrati, mastiti). L’azione biologica sarebbe dovuta alla capacità degli ultrasuoni [...]
  • Ultravioletti, raggi
  • (UV o raggi attinici), radiazioni elettromagnetiche della banda dell’ultravioletto, che esercitano diverse azioni biologiche a livello cutaneo (infatti la maggior parte di essi viene assorbita dalla cute senza raggiungere gli strati più profondi). Stimolano la produzione di pigmento melanico con effetto protettivo, determinando una caratteristica pigmentazione della cute, detta abbronzatura; inoltre [...]
  • Umore
  • Termine generico con cui si indicano sostanze liquide o semiliquide, varie per composizione e significato biologico, presenti nell’organismo umano: per esempio, umori circolanti, sinonimo di sangue e linfa.In psicologia, tono affettivo di base o temperamento determinato da caratteristiche intrinseche costituzionali e da [...]
Seguici
facebook twitter google+ rss
Ricerca termini medici
Seguici su facebook
Questi termini medici li conosci?
Altri dizionari medici
do you network?