Caricamento...

Radiazioni, Danni Da

Definizione medica del termine Radiazioni, Danni Da

Ultimi cercati: Drusen - Sfìgmico - Torcicollo - Bismuto, sali di - Ambliopìa

Definizione di Radiazioni, Danni Da

Radiazioni, Danni Da

Indice:Meccanismo d’azione delle radiazioni ionizzantiEffetti somatici ed effetti geneticieffetti nocivi sui tessuti viventi causati da radiazioni ionizzanti.
In particolare, i nuclei delle cellule somatiche e di quelle gonadiche quando vengono attraversati da radiazioni ionizzanti subiscono gravi alterazioni.
Le cellule somatiche danneggiate possono anche morire, altrimenti possono sopravvivere alterate senza trasmettere l’alterazione alla discendenza dell’individuo colpito; invece le cellule gonadiche, se sopravvivono alterate, possono trasmettere l’alterazione allo zigote e quindi alla generazione successiva a quella del soggetto colpito.Meccanismo d’azione delle radiazioni ionizzanti.
La catena di eventi che porta al danno cellulare ha inizio con l’impatto delle radiazioni ionizzanti in un tessuto; queste infatti portano con sé una scia di atomi e molecole ionizzate o eccitate e cedono man mano parte della propria energia.
La cessione di energia per unità di percorso lungo il passaggio è detta trasferimento lineare di energia (LET, dall’inglese Linear Energy Transfer).
All’aumentare del LET aumenta l’effetto letale delle radiazioni.
L’acqua, come maggior costituente della cellula, gioca un ruolo di primo piano in questi eventi.
La ionizzazione di una molecola di acqua produce radicali liberi (H+ e OH-) che hanno breve vita e sono molto reattivi.
A seconda del LET della radiazione possono verificarsi due diverse reazioni: i radicali H+ e OH- si ricombinano a formare acqua (LET basso), oppure si ricombinano a formare idrogeno molecolare, molto reattivo, e perossido di idrogeno, cioè acqua ossigenata, prodotto molto ossidante.Effetti somatici ed effetti genetici.Il danno cellulare si può manifestare con modalità diverse; la parte più radiosensibile è il nucleo, che contiene il materiale genetico.
I principali effetti sulla cellula irradiata sono: arresto della crescita; inattivazione di enzimi; alterazione della secrezione di sostanze; rottura cromosomica; accoppiamenti cromosomici anomali; formazione di cellule giganti.
L’effetto delle radiazioni varia poi considerevolmente da un organo all’altro e da un sistema all’altro.
Le radiazioni possono provocare effetti somatici cronici che si manifestano a distanza di tempo dall’irradiazione e che consistono in: diminuzione della durata di vita, di difficile valutazione, perlopiù dovuta a leucemia o tumori; invecchiamento precoce caratterizzato da fibrosi della pelle, del miocardio, polmonare o di altri tessuti, atrofie e difetti di sviluppo degli organi linfoidi, del midollo osseo e delle gonadi; atrofia e alterazioni di pigmentazione della pelle e dei capelli; leucemia e cancerogenesi sono comunque i principali e più provati effetti dell’esposizione a radiazioni.
Le radiazioni ionizzanti possono indurre la comparsa di mutazioni genetiche, che comportano alterazioni del corredo cromosomico della prole degli individui sottoposti a irradiazione.
Sulla base di una vasta mole di risultati sperimentali si è dedotto che qualsiasi dose di radiazioni, anche bassissima, può produrre mutazioni; il numero delle mutazioni è proporzionale alla dose ricevuta; a differenza del danno somatico, il danno al materiale genetico è cumulativo.
A parità di dose, l’esposizione protratta a una irradiazione di bassa intensità produce lo stesso danno genetico di una irradiazione breve di elevata intensità.
733     0

Altri termini medici

Quadrato, Osso

Formazione cartilaginea dell’embrione da cui deriva l’ossicino dell’orecchio medio detto incudine....
Definizione completa

Putamen

Struttura del sistema nervoso centrale, localizzata nell’encefalo, in profondità rispetto alla corteccia cerebrale e lateralmente ai due ventricoli, che assieme...
Definizione completa

Causticazione

Impiego terapeutico di sostanze caustiche per distruggere escrescenze cutanee (verruche ecc.); anche la lesione causata da sostanze caustiche....
Definizione completa

Paratormone

Ormone polipeptidico prodotto dalle ghiandole paratiroidi. La sua principale funzione è di mantenere entro limiti fisiologici la concentrazione di calcio...
Definizione completa

Banca

Termine usato in medicina per indicare un centro specializzato che provvede al prelievo e alla conservazione di organi e materiale...
Definizione completa

Fàrmaco

Sostanza dotata di attività terapeutica, che è principio attivo delle specialità medicinali. I fàrmaci si dividono in specialità medicinali (sostanze...
Definizione completa

Narcosi

Sinonimo di anestesia....
Definizione completa

Capogiro

Sinonimo di vertigine....
Definizione completa

Citrati

Sali dell’acido citrico usati in terapia. Il citrato di magnesio, costituito da carbonato di magnesio e acido citrico, è dotato...
Definizione completa

Diamo i numeri

Orgogliosi dei nostri numeri e dei servizi che offriamo.

7650

termini medici

5829

giorni online

565413

utenti