Caricamento...

Ansia

Definizione medica del termine Ansia

Ultimi cercati: Follìcolo - Rinite - Ostetricia - Recettore - Uretrale, bulbo

Definizione di Ansia

Ansia

Sentimento di penosa attesa nei confronti di una situazione pericolosa e minacciosa nella realtà, o avvertita come tale, soggettivamente, dall’individuo.
L’ansia è un sintomo comune e normale di fronte a situazioni traumatiche.
Si parla di ansia organica quando accompagna gravi patologie somatiche (infarto cardiaco, lesioni cerebrali).
L’ansia diviene patologica quando esiste sproporzione tra la portata dello stimolo ansiogeno esterno e l’ampiezza dell’effetto emotivo risultante oppure quando lo stimolo ansiogeno è collegato a una situazione di per sé niente affatto pericolosa.
L’ansia può osservarsi in ogni tipo di patologia psichiatrica (sindromi depressive, psicotiche, nevrotiche, psicorganiche) ed essere dovuta alla separazione o alla perdita dell’oggetto amato nelle depressioni, o alle minacce provenienti dai “persecutori” nella schizofrenia paranoide.
L’ansia può essere somatizzata, cioè scaricata sul corpo, e provocare alterazioni delle funzioni organiche: tachicardia, dispnea, alterata funzionalità dell’apparato digerente, disturbi del sistema nervoso vegetativo.
L’ansia diventa angoscia quando è accompagnata da intense sensazioni di costrizione toracica e retrosternale, o alla gola.
Quando è particolarmente grave, con alterazioni delle funzioni affettive e intellettive, prende il nome di panico.
Le benzodiazepine sono i farmaci più utilizzati nella terapia dell’ansia.Le terapie naturali per la cura dell’ansia possono avvalersi di preparati omeopatici, fitoterapici, gemmoderivati, Fiori di Bach, oli essenziali, oligoelementi e litoterapici.Tra i rimedi erboristici per l’ansia vanno ricordati la melissa (Melissa officinalis), l'alloro, il sedano, la camomilla (indicata – come la melissa – soprattutto per spasmi dolorosi, coliche gastrointestinali, colon irritabile), la cardiaca (impiegata nell’ansia con palpitazioni), la passiflora (ad attività sedativa e antispastica).Una segnalazione a parte meritano la kava-kava (Piper methysticum) e la valeriana.
La radice della prima pianta, originaria delle isole Fiji, ha azione sedativa ma, diversamente dagli ansiolitici di sintesi, non riduce il potenziale mnemonico.
Si assume sotto forma di estratto secco ed è sconsigliata durante la gravidanza e l’allattamento.
Va posta attenzione alla contemporanea assunzione di farmaci sedativi e ipnotici, dei quali può potenziare l’effetto.
L’uso prolungato può determinare una temporanea colorazione giallastra della cute.
La valeriana (Valeriana officinalis), già usata dai Greci, trae il suo nome dal latino “valere” (star bene).
Tutte le sue parti contengono sostanze (valepotriati) dotate di proprietà sedative, ma la concentrazione massima è presente nelle radici.
La valeriana è efficace nel trattamento dei disturbi del sonno collegati a stress, surmenage mentale, ansia.
Può potenziare l’effetto di farmaci sedativi e ipnotici: per adulti sani, non in gravidanza o in allattamento, che non assumano altri tranquillanti, la valeriana è comunque considerata sicura nei dosaggi raccomandati.
Può essere assunta sotto forma di decotto o infuso, di estratto fluido, di estratto secco, prima di coricarsi.
.
1.649     0

Altri termini medici

Ipomanìa

Alterazione dell’affettività caratterizzata da uno stato di lieve eccitamento psicomotorio con euforia, iperattività e altri aspetti di tipo maniacale che...
Definizione completa

Adrenalina

Ormone secreto dalla porzione midollare della ghiandola surrenale, mediatore chimico della trasmissione nervosa del sistema simpatico. Aumenta il tasso di...
Definizione completa

Colestasi Benigna Ricorrente

Malattia caratterizzata da attacchi ricorrenti di colestasi, con prurito, iperbilirubinemia coniugata, elevati livelli sierici di fosfatasi alcalina e sali biliari:...
Definizione completa

Rem (radiologia)

Sigla di röntgen equivalent man, unità di misura del danno biologico prodotto dalle radiazioni ionizzanti; è stato ufficialmente sostituito dal...
Definizione completa

Fattori Della Coagulazione

Sostanze chimicamente eterogenee, circolanti nel sangue oppure liberate dai tessuti al momento della lesione del vaso, la cui attività è...
Definizione completa

Lisoformio

Soluzione acquosa contenente il 6-7% di formaldeide e il 20% di idrato di sodio e olio di ricino, generalmente profumata...
Definizione completa

MAO

Sigla di monoaminossidasi, sistema enzimatico presente soprattutto nel tessuto cerebrale e nel fegato, deputato al catabolismo idrolitico delle amine biogene...
Definizione completa

Cefalina

Sostanza grassa appartenente alla categoria dei fosfatidi: svolge un ruolo importante nell’assorbimento intestinale e nel trasporto degli acidi grassi....
Definizione completa

Gastroenterocolite

Processo infiammatorio che interessa gran parte del tubo digerente. Le cause più frequenti sono: intossicazioni esogene per assunzione di cibi...
Definizione completa

Diamo i numeri

Orgogliosi dei nostri numeri e dei servizi che offriamo.

7650

termini medici

5980

giorni online

580060

utenti